Zaia: "Non si può escludere né una terza né una quarta ondata Covid"

Il governatore del Veneto: "A Natale dovremmo essere nella parte bassa dell'ondata"

Luca Zaia

Luca Zaia

globalist 22 novembre 2020
Non è ottimista ma nemmeno pessimista. Ma dice cose ragionevoli sulla pandemia: "Nessuno può escludere che possa arrivare anche la terza ondata e forse la quarta, l'importante è essere preparati. Con questo virus dovremmo imparare a convivere". Parola del governatore del Veneto, Luca Zaia, che dalle pagine de La Stampa parla della lotta all'epidemia di coronavirus che sta investendo la Regione e l'Italia.
"Io - spiega - ho adottato restrizioni già un paio di settimane fa: centri storici chiusi, centri commerciali chiusi durante i weekend e distanziamenti obbligatori. È vero al nord tra le grandi regioni "gialli" siamo solo noi, ma questo non è un gioco a premi, non ci sono primi o ultimi della classe".
Che Natale sarà? "Nessuno ha la sfera di cristallo. Dubitate da quelli che sanno sempre tutto. La verità è una sola: se portassimo tutti la mascherina, evitassimo gli assembramenti e curassimo l'igiene delle mani, non saremmo costretti alle restrizioni. Le ondate Covid - spiega il governatore - durano di solito in tutto il mondo circa 100 giorni, quindi a Natale probabilmente ci troveremo nella parte bassa dell'ondata". E ancora: "Ci sarà una terza ondata? Probabile. Una quarta? Probabile. Credo che andremo avanti così per un po' fino a quando non saremo tutti vaccinati".