Bersani chiude le porte a Renzi: "Con Italia Viva in maggioranza tra 15 giorni siamo da capo..."

L'ex leader del Pd e fondatore di Mdp-Articolo1: “Non ho sentito geremiadi quando improvvisamente si raccolsero una ventina scarsi di transfughi, si fece cambiare casacca a tre ministri"

Pierluigi Bersani

Pierluigi Bersani

globalist 16 gennaio 2021

Una netta chiusura per superare i tentennamenti del Pd, dove c’è un’anima renziana che non vorrebbe rompere con l’ex leader.

"Ricercare adesso un rapporto con le nuvole di fumo di Italia viva? Ma se questo garantisse stabilità, ma non la garantisce, da qui a 15 giorni siamo da capo. Se ancora non abbiamo capito, chiediamo alle tv di fare brevi lezioni sul renzismo, dopo anni di esperienza". 



Così Pierluigi Bersani, intervistato da 'L'Ospite' su Sky Tg 24.
Ha “poi aggiunto il fondatore di Mdp-Articolo 1: “Italia viva non si è presentata agli elettori, come sarebbe questa operazione tra 'responsabili' e 'costruttori'. Naturalmente è necessario che chi ha buon senso ce lo metta e in questa fase certamente non sarebbe sufficiente avere una maggioranza di raccogliticci. Bisogna avere, in una breve prospettiva, un nuovo patto politico, una soluzione politica che possa avere anche, perché no, una gamba di centro democratico, chiamiamola come vogliamo, e che faccia un patto per mandare avanti le operazioni". 



E infine un attacco a Renzi e ai suoi: “Non ho sentito geremiadi quando improvvisamente si raccolsero una ventina scarsi di transfughi, si fece cambiare casacca a tre ministri", creando "una forza che risulta basarsi sullo scarso 3 per cento di elettori e pretende di dettare il compito, operazione di transfughi e di arroganti".