Bettini vede Conte nel futuro: "Sarà il padre nobile dell'alleanza Pd-Leu-M5s"

L'esponente del Pd ha parlato anche della Lega: "La Lega potrebbe sostenere Draghi? È un problema loro

Goffredo Bettini

Goffredo Bettini

globalist 5 febbraio 2021
Parole che sembrano un manifesto politico per il futuro: “Discorso di Conte molto bello. Di responsabilità nazionale e da statista. Con delicatezza ha posto una mano sulla testa del Movimento, che sta vivendo una discussione molto seria e matura. Conte ha detto che ci sarà sia per il Pd che per il Leu. Conte sarà il padre nobile dell'alleanza, che insieme a lui si è costruita e ha progredito".
 Lo ha detto Goffredo Bettini, esponente Pd, intervenendo a Radio 24.
Il Pd, ha ricordato Bettini, "ha difeso Conte perché rappresenta un patrimonio conquistato tutti assieme. Conte mai sfiduciato in Parlamento, stavamo quasi per chiudere un accordo sul Conte ter anche con Italia Viva. Abbiamo fatto bene a mantenere ferma la posizione su Conte. Ora siamo in una crisi incerta, anche se diamo massima disponibilità alla formazione del Governo Draghi, però la situazione mostra enormi problemi di fronte. Volevamo evitare il "Conte o Orte" per dirla con Sordi, cioè che ci fosse una fuga".
Riguardo l'allargamento della vecchia maggioranza Conte 2 anche a partiti del centrodestra per Bettini "il problema è tutto della Lega. Noi stiamo salvando l'asse politico che ha sostenuto il precedente governo. La destra è molto divisa. Saranno loro a confrontarsi e a decidere. Certamente l'impostazione ultraeuropeista di Draghi è un problema per loro, non per noi. La Lega è in imbarazzo. Noi ribadiremo i contenuti che ci sono a cuore, per esempio quello della progressività fiscale, e a difendere il mondo del lavoro e delle imprese, non basate sulla rendita e la finanziarizzazione. Non voglio porre veti a Draghi - ha assicurato - perché sarebbe il protrarsi di una discussione politica non cercata e voluta da noi. Ci affidiamo alla sintesi del Presidente Draghi".
Intervenendo nella discussione su governo tecnico o politico Bettini ha rilevato che "sulla componente politica nel Governo deciderà Draghi. Ciampi ha preparato l'esperienza dell'Ulivo, Monti ha portato al populismo. Mi riferisco maggiormente all'esperienza di Ciampi".