L'ex Fioramonti: "La spinta innovativa M5s si è esaurita, bruciata da una serie di scelte al ribasso"

Il deputato del gruppo Misto dopo aver lasciato il Movimento: "Ricordo a tanti colleghi che fino a qualche giorno fa per avviare il Conte-ter si sono lasciati aiutare anche da Forza Italia". 

Fioramonti

Fioramonti

globalist 19 febbraio 2021

Lui è stato ministro per poco tempo e poi si è dimesso lamentando la scarsa attenzione alla scuola: quello a cui abbiamo assistito nelle ultime settimane nel M5s, "è soltanto la punta dell'iceberg: sono anni che il M5s ha perso una vera e propria visione innovativa. È stato un momento di grande speranza di grande rottura che poi già da subito si è compromesso con una serie di iniziative al ribasso. Allora il Governo è nato prima con la Lega facendo tante cose che erano contrarie valori del M5S, poi si è spostato nuovamente col centro-sinistra. Ricordo a tanti colleghi che fino a qualche giorno fa per avviare il Conte-ter si sono lasciati aiutare anche da Forza Italia". 
Lo ha affermato l'ex deputato M5s oggi al gruppo Misto, Lorenzo Fioramonti, ospite di "Coffee break" su La7.


"Mi stupisce anche questa decisione di adesso solo perché è un governo di unità nazionale ed è naturale che preveda anche la presenza di elementi di Forza Italia, quando fino a qualche giorno fa si cercavano numeri anche provenienti da Forza Italia per sostenere il Conte-ter andavano bene''.
''È un peccato che solo ora ci si accorga che i valori sono stati traditi e che rischi di andare all'opposizione. Forse, con il Governo più ecologista che esista negli ultimi vent'anni sarà molto difficile per un movimento che nasce con una proposta innovativa sull'ambiente e l'ecologia dire di no. Per la prima volta nella storia potranno magari dire finalmente no a quelle aziende che a tutto guardano meno che alla transizione verde'', conclude Fioramonti.