Bonetti: "Sulla cittadinanza legge sul modello dello Ius Culturae"

La ministra di Italia Viva: "La cittadinanza si costruisce attraverso l'educazione. A scuola, ma anche nelle attività di educazione non formale come lo sport"

Elena Bonetti

Elena Bonetti

globalist 12 agosto 2021
"Oggi il Paese deve fare un passo in avanti. Se vogliamo ripartire dobbiamo tutti lavorare affinché questo accada: questo è la cittadinanza. L'occasione è favorevole, perché proprio ora stiamo ricostruendo il nostro essere 'noi', comunità".
Così la ministra delle Pari opportunità e della Famiglia, Elena Bonetti in una intervista a 'La Repubblica' sul tema dello Ius soli.
"Il Governo sta dando prova di sapere accompagnare tutti i processi di sintesi per fare davvero avanzare il Paese, ma le regole le deve scrivere il Parlamento - ha detto - un'iniziativa parlamentare sulla cittadinanza già c'era. Si era trovata una mediazione alla Camera nel 2015, premier Renzi, e poi si è bloccata al Senato".
Secondo la ministra la legge sulla cittadinanza dovrebbe essere sul modello dello "Ius culturae, perchè la cittadinanza si costruisce attraverso l'educazione. A scuola, ma anche nelle attività di educazione non formale come lo sport".
Elena Bonetti lancia un appello affinché "la legge sulla cittadinanza non diventi una bandierina per le Amministrative ne' a destra ne' a sinistra. Non si sacrifichi qualcosa di cosi' importante per il consenso elettorale".