Cosa succede al nostro corpo quando guarisce dal Covid-19?

Si definisce «guarito» a tutti gli effetti, quando due test consecutivi, eseguiti a distanza di 24 ore l'uno dall'altro, risultano negativi.

Coronavirus

Coronavirus

globalist 1 aprile 2020
Cosa vuol dire aver sconfitto l'infezione, cosa succede una volta che la malattia scompare? Le prime indicazioni arrivano dal Consiglio superiore di sanità, con il parere espresso dal direttore generale Claudio D'Amario; altre nuove informazioni dagli esperti consultati dal «Mattino», impegnati nella ricerca di terapie e direttamente nell'assistenza.
"Niente più febbre, rinite, tosse, mal di gola, eventualmente dispnea e, nei casi più gravi, polmonite con insufficienza respiratoria associati all'infezione da Sars-CoV-2: il paziente può considerarsi «clinicamente guarito», quando scompaiono i sintomi della malattia ma può ancora risultare positivo al tampone (68 casi su 88 in Campania). Si definisce «guarito» a tutti gli effetti, quando due test consecutivi, eseguiti a distanza di 24 ore l'uno dall'altro, risultano negativi (i restanti 20 nella regione)".
"In molti casi si ha una remissione totale della malattia, nei più gravi si possono avere complicanze come l'insufficienza renale o tromboembolie che compromettono la guarigione", spiega Parrella, che aggiunge: «In alcuni casi stiamo anche osservando strie disventilatorie o addensamenti fibrotici che dovremo controllare nel tempo". 
"C'è un unico caso di sospetta reinfezione in Giappone ma non ancora chiarito nella sua dinamica», spiega Giovanni Maga, virologo e direttore dell'Igm Cnr, che aggiunge: «È altamente improbabile che nel corso della stessa epidemia una persona guarita si possa reinfettare". "La scomparsa dei virus è accompagnata dalla produzione di anticorpi specifici, di tipo IgG, da parte dell'organismo: salvo rare eccezioni, con carattere protettivo. Un'altra questione è quanto a lungo questa immunità possa durare, chiarisce Maga. Per l'infezione da Sars-CoV-2 i dati disponibili sembrerebbero escludere una rapida insorgenza di mutazioni in grado di sfuggire al controllo del sistema immunitario, quando questo è stato in grado di eliminare il virus".