L'Oms sul coronavirus: "Più infezioni dagli adulti ai bimbi che dai bimbi agli adulti"

Maria Van Kerkhove, responsabile per il coronavirus dell'Organizzazione mondiale della sanità: "Servono altri studi che seguano le persone a lungo per chiarire meglio il ruolo dei bambini nell'epidemiologia".

Coronavirus tra i bambini

Coronavirus tra i bambini

globalist 29 aprile 2020

Un altro dato interessante: "Sappiamo che la grande maggioranza dei bambini ha sintomi lievi e guarisce e che i piccoli sono in generale meno colpiti. Quello che iniziamo a notare da studi molto ben eseguiti all'interno di nuclei familiari è che la trasmissione avviene dagli adulti ai bambini e che questo avviene in maniera molto meno estesa da bambini ad adulti".


Ad affermarlo Maria Van Kerkhove, responsabile tecnico per il coronavirus dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), in conferenza stampa a Ginevra.
"Non c'è motivo di pensare che i bambini siano meno suscettibili all'infezione, se sono esposti al virus - ha proseguito l'esperta - ma abbiamo bisogno di altri studi, consistenti, che seguano le persone per molto tempo, per chiarire meglio il ruolo dei bambini nell'epidemiologia".