Anche Luca Richeldi smentisce Zangrillo: "Il virus circola ancora, sbagliato dare messaggi fuorvianti"

Il presidente della Società italiana di pneumologia e membro del Comitato Tecnico Scientifico: "I miglioramenti sono il frutto delle drastiche misure di contenimento della circolazione virale"

Luca Richeldi, presidente della Società italiana di pneumologia

Luca Richeldi, presidente della Società italiana di pneumologia

globalist 31 maggio 2020

Il protettore del San Raffaele e meglio noto come medico di Berlusconi ha sollevato un vespaio.


E le sue dichiarazioni continuano a ricevere smentite, come quella del componente del Cos Richeldi.


 "Il virus circola ancora ed è sbagliato dare messaggi fuorvianti che non invitano alla prudenza. E' indubitabilmente vero e rassicurante il fatto che la pressione sugli ospedali si sia drasticamente ridotta nelle ultime settimane. Non va scordato che questo è il risultato delle altrettanto drastiche misure di contenimento della circolazione virale adottate nel nostro Paese. Peraltro è bene ricordare che la circolazione virale è un processo dinamico, per cui la gradualità e la cautela nella ripresa delle attività economiche e sociali devono rimanere la nostra priorità. Soprattutto alla luce delle riaperture del 3 giugno. Del resto, basta vedere come purtroppo la situazione sia molto diversa in Paesi, come Russia, Messico o India, nei quali queste misure non hanno potuto essere così efficaci e non hanno dato i confortanti risultati che vediamo nel nostro Paese".


Parole molto categoriche del professor Luca Richeldi, presidente della Società italiana di pneumologia e membro del Comitato Tecnico Scientifico replicando a Zangrillo.