Dan Friedkin vuole compare la Roma: in Tanzania indagato per corruzione e bracconaggio

James Pallotta sta trattando la cessione della società giallorossa per una cifra non inferiore ai 700-750 milioni di euro. Il possibile acquirente è un magnate texano

James Pallotta e Dan Friedkin

James Pallotta e Dan Friedkin

globalist 27 novembre 2019
Incredibile ma vero: sono attese novità dagli Stati Uniti sul possibile passaggio di proprietà della Roma da James Pallotta a Dan Friedkin. Si cerca un accordo sulla valutazione del club giallorosso, non inferiore ai 700-750 milioni di euro, progetto stadio compreso. Secondo la Gazzetta dello Sport, per evitare una Opa (Offerta pubblica d'acquisto) il magnate texano nato in California (re delle importazioni Toyota negli USA) potrebbe inizialmente acquistare il 20% in aumento di capitale, con opzioni legate ai risultati in campionato, all'ingresso in Champions League e all'eventuale via libera per il nuovo stadio. 
Come riporta Il Messaggero, dalla ventina di manifestazioni d'interesse giunte per la Roma alla banca d'affari Goldman Sachs si sono defilati gli eventuali investitori arabi perché volevano più tempo per decidere, mentre sembra che ci siano stati sondaggi da parte di fondi di "private equity" come Permira, Blackstone, Kkr e Carlyle che stanno valutando i conti. 
Intanto il settimanale keniota Jamhuri segnala indagini in Tanzania su Dan Friedkin per questioni legate a evasione fiscale, corruzione e bracconaggio.