Dimissioni a sopresa del premier Hariri, temo per la mia vita

Si respira la stessa atmosfera di quanto fu ucciso mio madre, ha aggiunto l'esponente sunnita, che ha accusato l'Iran di ingerenza nella vita politica del Paese

Saad Hariri

Saad Hariri

globalist 4 novembre 2017

Saad Hariri ha annunciato oggi a sorpresa le sue dimissioni da prim ministro del Libano, dicendo di temere per la sua vita.

"Viviamo in un clima simile all'atmosfera che c'era prima dell'assassinio del martire Rafik al-Hariri", ha detto in un discorso televisivo, ricordando il padre, assassinato nel febbraio del 2005.
Nella sua dichiarazione, il primo ministro dimissionario ha denunciato le interferenze iraniane nella politica libanese, aggiungendo che il Libano "si rialzerà come in passato" e ''taglierà le mani che si sono maliziosamente ingerite nel paese".
Il leader sunnita era in carica dal gennaio scorso, dopo che era stato raggiunto un accordo che consentiva all'ex generale Michel Aoun, alleato del movimento sciita iraniano Hezbollah, di assumere la presidenza del Paese.
Il sistema di condivisione del potere in Libano tra le comunità prevede che la carica di capo dello Stato vada ad un cristiano maronita, quella di primo ministro ad un sunnita e la presidenza del Parlamento ad uno sciita.