Anche la Danimarca verso il divieto del velo integrale

L'iniziativa per Partito liberale ha avuto ampio consenso anche da parte delle forze di opposizione. Ma, si sottolinea, non ha come obiettivo alcuna religione in particolare,

Musulmane con il velo integrale

Musulmane con il velo integrale

globalist 8 febbraio 2018

Dopo l'Austria, la Francia e il Belgio, anche la Danimarca si appresta a varare una legge che vieta gli indumenti che coprono il volto, tra cui niqab e burqa.
Parlando ai media, Jakob Ellemann-Jensen, portavoce del Partito Liberale a capo della coalizione di centro-destra al governo, sottolinea che questo progetto di legge "non ha come obiettivo alcuna religione in particolare'' e quindi non vieta espressamento di indossare l'hijab, il turbante o la kippa. 
Il Ministro della giustizia, Søren Pape Poulsen, in un comunicato, afferma  che l'uso di indumenti che coprono il volto "non è compatibile con i valori della società danese e non rispetta le aspettative alla società'' nascondendo il viso in uno spazio pubblico.


La data del voto sul provvedimento non è stata ancora annunciata, ma è probabile che il testo sia approvato. In effetti, una gran parte dei deputati, compresa l'opposizione socialdemocratica, è pronta a votare a favore. Ma prima, il progetto deve essere esaminato dalle ONG per i diritti umani e riscritto in base alle loro possibili osservazioni.