Piccola conquista delle donne saudite: via l'obbligo di indossare l'abaya

La lunga e scura veste che copre completamente il corpo potrà essere sostituita da un abbigliamento normale, purché 'sobrio'

L'abaya è una tunica che avvolge il corpo per nascondere le forme

L'abaya è una tunica che avvolge il corpo per nascondere le forme

globalist 10 febbraio 2018

Un altro passo. Potremmo dire passettino. Ma obiettivamente nella super conservatrice società saudita è qualcosa di significativo e va nella direzione della 'modernizzazione' dell'Arabia Saudita annunciata dal principe ereditario Mohammed bin Salman: le donne devono vestire in modo sobrio ma non saranno più obbligate a indossare l'abaya, la tradizionale veste lunga e scura che copre completamente il corpo.
A sottolinearlo è stato lo sceicco Abdullah al-Mutlaq, membro del Consiglio degli studiosi anziani, che - in sintonia con la Casa Reale - ha preparato il terreno per la prossima riforma.


«Oltre il 90% delle pie donne musulmane nel mondo musulmano non indossano l'abaya, quindi non dovremmo costringere le persone a indossarla», ha detto lo sceicco Mutlaq sottolineando però che la necessità che vestano con modestia.
È la prima volta che un anziano esponente religioso pronuncia una dichiarazione del genere e le sue parole arrivano dopo le aperture degli ultimi tempi sulla guida e l'ok all'ingresso delle donne negli stadi.