Abu Mazen accusa Hamas: responsabili dell'attentato al premier Hamdallah

Secondo il presidente palestinese, il movimento islamista ha organizzato l'agguato al primo ministro ed al capo dell'Intelligence. A rischio il processo di pacificazione

Hamdallah il giorno dell'attentato a Gaza

Hamdallah il giorno dell'attentato a Gaza

globalist 20 marzo 2018

Il presidente palestinese Abu Mazen ha accusato Hamas di essere direttamente responsabile dell'attacco del 13 marzo al convoglio del primo ministro Rami Hamdallah nella Striscia di Gaza. Contestualmente, ha annunciato future sanzioni contro il movimento islamista, minacciando di porre fine agli sforzi di riconciliazione tra il suo movimento, Fatah, e Hamas.

Rami Hamdallah e il capo dell'intelligence, Majid Faraj, sono stati l'obiettivo di un attentato dinamitardo il 13 marzo durante una rara visita alla Striscia di Gaza, governata da Hamas. I due sono rimasti illesi. Subito dopo l'attacco, che non è stato rivendicato, l'Autorità Palestinese ha dichiarato di ritenere Hamas responsabile dell'esplosione, senza accusarlo direttamente, ma suggerendo che gli islamisti non abbiano messo in atto un dispositivo di sicurezza sufficiente.
In un discorso a Ramallah, il presidente dell'Autorità palestinese ha condannato un "attacco scandaloso e abietto a Hamdallah e Faraj da parte del movimento di Hamas nella Striscia di Gaza", anche se non ha fornito alcuna prova a sostegno delle sue accuse e sottolineando di non avere fiducia in Hamas per una indagine onesta sull'attacco.
Abu Mazen ha aggiunto che non sono stati compiuti progressi nel processo di riconciliazione avviato tra i due gruppi, menzionando i recenti sforzi per concludere un accordo di responsabilità condivisa per la gestione dei valichi della Striscia di Gaza. sicurezza nell'enclave.
Il presidente dell'Autorità palestinese ha quindi ordinato ad Hamas di rinunciare al controllo del territorio, altrimenti, ha detto, rischia di assumersi la piena responsabilità dell'enclave e dei suoi due milioni di abitanti senza alcun aiuto da parte dell'Autorità palestinese, che ha il supporto degli occidentali.
"Come presidente del popolo palestinese, ho tollerato molto per riguadagnare l'unità e unire la patria, e sono stato accolto dal rifiuto di Hamas e della sua illegittima autorità", ha detto Abu Mazen.
L'Autorità palestinese riconosciuta a livello internazionale, che dovrebbe prefigurare uno stato palestinese indipendente, è stata sfrattata con la forza dalla Striscia di Gaza nel 2007 da Hamas.