Russiagate: Trump ha costretto Michael Cohen a mentire al Congresso

Secondo fonti investigative, Donald Trump avrebbe convinto il suo ex legale a mentire al Congresso sulle trattative per la costruzione di una Trump Tower a Mosca.

Donald Trump

Donald Trump

globalist 18 gennaio 2019
Michael Cohen, ex avvocato di Donald Trump, è stato costretto proprio dal presidente degli Stati Uniti a mentire al Congresso sulle trattative per costruire una Trump Tower a Mosca.
Questo è ciò che emerge dalle carte in mano al procuratore speciale che indaga sul Russiagate, Robert Mueller, secondo quanto riporta il sito BuzzFeed citando fonti investigative. Trump avrebbe anche appoggiato il piano messo a punto da Cohen di recarsi in visita in Russia durante la campagna presidenziale con l'obiettivo di incontrare il presidente Vladimir Putin.
"Fai che avvenga", avrebbe detto il tycoon al suo legale.
Inoltre si apprende che l'intera delegazione americana non parteciperà al forum economico mondiale di Davos. La partecipazione è stata cancellata anche per il segretario di stato Mike Pompeo e per il segretario al Tesoro Steven Mnuchin. Lo ha detto la portavoce presidenziale Sarah Sanders, spiegando il forfait con lo shutdown. Anche Donald Trump, come già annunciato da giorni, non andrà.