La Merkel esclude Salvini: "mai la Lega nel Ppe"

La cancelliera tedesca: "in molti sono preoccupati per il futuro dell'Europa, e lo sono anche io. Ma sono i capi di Stato a decidere fin dove si voglia spingere il populismo"

Angela Merkel

Angela Merkel

globalist 15 maggio 2019
È assolutamente lapidaria Angela Merkel quando risponde alla domanda se può immaginare uno scenario in cui Salvini e la Lega entrino nel Partito Popolare Europeo con l'appoggio dell'Ungheria di Orban: "assolutamente no".
"È evidente che per esempio per quello che riguarda la politica sui migranti abbiamo approcci molto differenti. Già questo è un motivo per cui il Ppe non si aprirà al partito del signor Salvini" ha detto la cancelliera tedesca, che ha aggiunto: " "Quel che è cert è che Manfred Weber nell'elezione a presidente della Commissione non si renderà dipendente dai voti di questi partiti. Questo è un tempo nel quale dobbiamo combattere per i nostri principi e i nostri valori fondamentali".
"Si decide nella cerchia dei capi di Stato e di governo fin dove si voglia spingere il populismo, oppure se alla fine sia ancora presente la volontà di una comune responsabilità", dice la Merkel, che aggiunge: "Finora ce l'abbiamo sempre fatta. Ognuno ha responsabilità di trattare con cura una realtà così unica nel suo genere come l'Unione europea. E per non arrecare pericoli all'Europa, ognuno deve sapersi mettere nei panni dell'altro, essere pronto al compromesso, rimanere corretti e trattare l'uno con l'altro con attenzione e cura".
"Sono certamente elezioni importanti, speciali. Molte persone sono preoccupate per l'Europa e lo sono anche io".