L'Europarlamento vuole ascoltare Carola Rachete: Bartolo esulta, l'estrema destra strepita

Il medico di Lampedusa: "Sono certo che ha agito semplicemente per aiutare esseri umani, cosa che dovremmo fare tutti"

Carola Rackete

Carola Rackete

globalist 12 luglio 2019
Insultata e diffamata in Italia da fascisti, leghisti e razzisti, apprezzata da molti altri e - è bene sottolinearlo - scarcerata dal Gip che ha riconosciuto la sua condotta come non in violazione della legge.
E' un "bene" che la capitana della Sea Watch 3 Carola Rackete "venga a dire nel Parlamento Europeo, in commissione Libe" quali sono state le motivazioni che l'hanno spinta ad approdare senza permesso a Lampedusa per sbarcare i migranti che aveva salvato, "in modo tale che ci si renda conto a che punto siamo arrivati in Italia".
Parola di Pietro Bartolo, eurodeputato del Pd e vicepresidente della commissione Libe dell'Europarlamento, la quale potrebbe sentire Carola Rackete in audizione prima della pausa estiva, a Bruxelles. "Sicuramente - continua Bartolo - mi farà molto piacere, perché Carola Rackete verrà a rappresentare le sue istanze e a dire quello che è successo. Sono certo che ha agito semplicemente per aiutare esseri umani, cosa che dovremmo fare tutti".
Secondo il vicepresidente della commissione Libe, l'audizione della Rackete, che non è stata ancora fissata, dovrebbe tenersi "prima della pausa estiva, credo". Per Bartolo, ascoltare la capitana della Sea Watch 3 sarà utile, "in modo tale che il Parlamento possa sapere quali sono state le motivazioni della scelta di Carola, che ho visto scendere quella notte a Lampedusa ed è stata aggredita verbalmente in modo indegno da alcuni personaggi squallidi, che ovviamente sono d'accordo con il ministro Matteo Salvini, che mette prima i cani e poi gli esseri umani".
Forse - continua l'eurodeputato Pd - potrebbe trattare gli esseri umani almeno come i cani, mi starebbe pure bene. Ha fatto un appello al buon cuore, ad aprire le case per 117 cani (che sono rimasti nell'ex Cara di Mineo, nel Catanese, ndr), giustamente, ma io vorrei che lo stesso appello venisse fatto anche per gli esseri umani".
Carola Rackete, prosegue Bartolo, ha violato "leggi che vanno contro la Costituzione e i trattati internazionali, che prevedono che i naufraghi vadano portati nel porto sicuro più vicino. Per dove si trovava Carola Rackete, Lampedusa era il porto più vicino".
Secondo l'eurodeputato, la capitana tedesca "ha fatto una scelta giusta: si è assunta delle responsabilità e questo è da lodare, anche perché si tratta di una persona giovane", conclude. 
L’estrema destra esulta
''La Commissione per le libertà civili, la giustizia, e gli affari interni del Parlamento europeo non può diventare un centro sociale occupato. La Commissione parlamentare è un organo istituzionale! In quanto tale è semplicemente folle che venga accolta la richiesta della sinistra di portare in audizione la Rackete''. Con queste parole gli eurodeputati di Fratelli d'Italia Raffaele Fitto (co-Presidente dei Conservatori europei), Carlo Fidanza (Capodelegazione), Nicola Procaccini (membro della Commissione Libe), Raffaele Stancanelli e Pietro Fiocchi, commentano la notizia di un possibile intervento della capitana tedesca a Bruxelles.