Col fascista Bolsonaro l'Amazzonia è bruciata del 300% in più rispetto ad agosto 2018

Rispetto allo stesso mese nel 2018 la deforestazione dell'Amazzonia è cresciuta del 300% e di quasi il 100% nei primi mesi del 2019.

Foresta Amazzonica

Foresta Amazzonica

globalist 9 settembre 2019
Rispetto allo stesso mese nel 2018 la deforestazione dell'Amazzonia è cresciuta del 300% e di quasi il 100% nei primi mesi del 2019. A questo ritmo, commentano gli esperti, entro la fine dell'anno potranno superarsi i 10mila chilometri quadrati di vegetazione rasa al suolo. 
Secondo l'Istituto nazionale per le ricerche scientifiche (Inpe), legato al ministero di Scienza e Tecnologia, la più grande foresta tropicale del mondo ha perso 1700,8 km quadrati il mese scorso, rispetto ai 526,5 km quadrati di un anno fa.
Agosto è da sempre uno dei mesi di maggiore siccità e di incendi naturali, ma quest'anno - sottolineano i media locali - i roghi hanno avuto un notevole aumento a causa delle azioni criminali degli agricoltori, in particolare dei produttori di soia e dei disboscatori.