Omicidio di Daphne Caruana Galizia: il premier Muscat verso le dimissioni

Il leader di Malta toccato dall'indagine sull'assassinio della giornalista che hanno mostratop il ruolo di esponenti di governo e di un collaboratore del premier

L’omaggio dei cittadini maltesi per Daphne Caruana Galizia

L’omaggio dei cittadini maltesi per Daphne Caruana Galizia

globalist 29 novembre 2019
Una orrenda storia che è arrivata al vertice del potere a Malta: il primo ministro maltese Joseph Muscat intende annunciare le sue dimissioni a breve. Lo riferisce in apertura il Times of Malta, sottolineando che la sua decisione arriva al culmine della crisi politica generata dall'inchiesta sull'omicidio di Daphne Caruana Galizia.
Muscat stamane ha incontrato il presidente della Repubblica George Vella, al quale - spiega il giornale - potrebbe aver anticipato la sua decisione. È atteso un discorso televisivo del premier.
Secondo due fonti vicine al governo maltese - riferisce sempre il Times - Muscat avvierà un processo per individuare una nuova leadership all'interno del partito laburista che dovrebbe condurre alla nomina di un nuovo premier entro gennaio. Non è ancora chiaro, si aggiunge, se fino a quel momento il vicepremier Chris Fearne assumerà ad interim la guida del governo.
Domenica scorsa sempre il Times of Malta aveva riferito che Muscat stava pensando di dimettersi «entro sei-nove mesi», ma sull'onda del crescente clima di «disagio, tristezza e dolore» a livello nazionale per l'omicidio della giornalista avrebbe potuto fare un passo indietro prima del previsto.
L’inchiesta sulla morte di Daphne Caruana Galizia ha fatto emergere una macchinazione che ha toccato il governo maltese e coinvolto il braccio destra dio Muscat.