Teheran si ferma per Soleimani: milioni di persone ai funerali del comandante

Dalla folla si sentono slogan contro gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e Israele, sventolano immagini del comandante ucciso e bandiere iraniane

I funerali di Soleimani a Teheran

I funerali di Soleimani a Teheran

globalist 6 gennaio 2020
Sono milioni le persone che si sono riversate nelle strade di Teheran, accalcandosi intorno all'Università dove si terrà la cerimonia funebre di Qassem Soleimani, il comandante delle forze di Qods ucciso in Iraq da un raid Usa lo scorso venerdì. Sarà la Guida Suprma dell'Iran, Ali Khamenei, a guidare le preghiere. 
Slogan contro gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e Israele, immagini del comandante ucciso e bandiere iraniane, mentre centinaia di migliaia di persone si mostrano in lutto, anche se la morte di Soleimani non è stata accolta con dolore da tutti gli iraniani: sui social, infatti, accanto a chi si dice disperato, c'è anche chi afferma di non aver mai condiviso le politiche del comandante e anche chi ricorda l'uccisione di centinaia di giovani durante le proteste di novembre per mano proprio dei Guardiani della Rivoluzione.
Il successore di Soleimani, Esmail Ghaani, era vicino al fianco di Khamenei durante i funerali, così come il presidente iraniano Hassan Rouhani e altri importanti leader della Repubblica islamica. Le salme del generale e delle quattro Guardie rivoluzionarie uccise assieme a lui sono arrivate a Teheran all'alba. Gli altri quattro assassinati sono Shahroud Mozaffarinia, Vahid Zamanian, Hadi Taremi e Hossein Pour-Jafarinia. Dopo le preghiere, la processione funebre continua verso Piazza Azadi e i corpi verranno trasferiti a Qom per un'altra cerimonia funebre. Soleimani sarà sepolto nella sua terra natale, Kerman, martedì.