Trump rivendica l'omicidio: "Soleimani era il peggior terrorista al mondo"

Il presidente Usa parla alla nazione: "Finché sarò presidente l'Iran non avrà mai l'arma nucleare".

Donald Trump

Donald Trump

globalist 8 gennaio 2020

Donald Trump parla alla nazione, in seguito ai due attacchi iraniani alle basi Usa in Iraq. Innanzitutto, il presidente specifica che "nessun americano è rimasto ferito, solo piccoli danni ma i nostri soldati sono rimasti incolumi". "Finché sarò presidente" ha poi aggiunto Trump, "l'Iran non avrà mai l'arma nucleare". 
Trump ha poi annunciato che gli Usa imporranno delle nuove sanzioni all'Iran e ha aggiunto che il generale iraniano Qassem Soleimani era il "maggiore terrorista mondiale", con "le mani sporche del sangue dei soldati americani e iracheni". 
"Tutte le opzioni restano sul tavolo per contrastare la minaccia dell'Iran", ha detto Trump. "Teheran", ha aggiunto, "deve abbandonare le sue ambizioni nucleari e finire di sostenere il terrorismo". Dopo l'attacco alle basi Usa, "sembra che l'Iran stia allentando la tensione, che è una buona cosa per tutte le parti in causa" ha aggiunto Trump, chiedendo che "la Nato sia più coinvolta in Medioriente".
"Gli Usa sono pronti ad abbracciare la pace" con l'Iran,  ha detto Trump rivolgendosi "al popolo e ai leader iraniani" a conclusione del suo intervento dalla Casa Bianca.