Muore di Coronavirus Maria Teresa di Borbone, la principessa 'rossa' che lottà contro il franchismo

Cugina del re Felipe VI di Spagna era stata costretta all'esilio da Francisco Franco per la sua lotta per la libertà sotto la dittatura. È morta a 86 anni a Parigi

Donna Maria Teresa, principessa di Borbone Parma (al centro)

Donna Maria Teresa, principessa di Borbone Parma (al centro)

globalist 27 marzo 2020

Una personalità inquieta ma sempre dalla parte dei più deboli: lutto nella casa reale Borbone Parma a causa del Covid-19.

Donna Maria Teresa, principessa di Borbone Parma, è morta ieri a Parigi all'età di 86 anni dopo essere stata contagiata dal coronavirus. L'annuncio è stato dato dal nipote, il principe Carlo di Borbone Parma. Libera e indipendente, non si era mai sposata, non aveva figli ed ha sempre vissuta da sola.
Maria Teresa era la cugina del re Felipe VI di Spagna ed era nota con l'appellativo di "principessa rossa" per la sua instancabile attività politica svolta in Spagna contro la dittatura franchista, in particolare, a fianco dei minatori delle Asturie.


Maria Teresa di Borbone Parma era particolarmente fiera del soprannome che le era stato dato dallo stesso Caudillo Francisco Franco, che la cacciò dalla Spagna costringendola all'esilio a Parigi per il suo impegno per la difesa dei valori fondamentali della democrazia.
Maria Teresa di Borbone Parma era la terza figlia del principe Xavier di Borbone Parma, pretendente carlista al trono di Spagna fino alla sua 'abdicazione' nel 1975, di Madeleine Yvonne di Bourbon-Busset. Al tempo stesso era la sorella del duca di Parma e Piacenza principe Carlo Ugo di Borbone Parma e zia dell'attuale duca, il principe Carlo Saverio di Borbone Parma.


Lascia le sorelle Maria de las Nieves e Maria Cecilia e uno stuolo di nipoti, a partire dal principe Carlo Saverio erede legittimo della dinastia Borbone Parma.
Era nata come Maria Teresa Cecilia Zita Carlotta nella capitale francese il 28 luglio 1933: aveva trascorso l'infanzia in un castello dei Borbone e poi con le sorelle era stata mandata a studiare nel collegio del Sacré-Coeur di Tours. Da adolescente era cresciuta con la passione per le idee di sinistra, pur nel rispetto di suo padre, della sua famiglia e della monarchia.
Durante la sua lunga vita la principessa ha frequentato lo scrittore francese André Malraux, il leader palestinese Yasser Arafat e il presidente francese François Mitterrand, tutti rimasti stupiti dalla sua intelligenza, dalla sua vivacità e dalla sua singolare personalità.