Spaghetti-virus, l'ira dell'ambasciatore italiano ad Abu Dhabi: "Il nostro paese merita rispetto"

Un articolo comparso su un magazine online del Golfo Persico dipinge l'Italia come incapace di affrontare l'emergenza e usa immagini piene di stereotipi

Spaghetti-Coronavirus

Spaghetti-Coronavirus

globalist 27 marzo 2020
Ricordate la 'Coronapizza', oggetto di uno spot satirico francese che tanto aveva fatto arrabbiare i nostri politici. Uno scherzo simile viene da Dubai, anche se meno innocente di quello francese, che era stato creato da un canale satirico senza alcuno scopo politico (e che colpisce anche la stessa Francia con uguale forza): un piatto di spaghetti con un 'sugo' di coronavirus compare su un articolo pubblicato su GulfNews.com, magazine online dell'area del Golfo Persico, accompagnato dal titolo 'Italy's instability could rock Eurozone', 'l'instabilità italiana può distruggere l'Eurozona'. Il pezzo, a firma di Andrew Hammond, è un'analisi piuttosto sbrigativa e superficiale della situazione italiana alla luce del Coronavirus. Scrive Hammond: "Il caos economico, che potrebbe significare un'impossibilità del sistema bancario di avere denaro liquido a causa del lockdown, è una condizione che in Italia è legata alla cronica instabilità politica. Il paese ha visto più di 60 governi dopo la guerra e non è chiaro se la coalizione corrente può reggere in simili condizioni. La paura non è solo l'instabilità delle istituzioni - incapaci di assicurare le riforme strutturali di lungo periodo di cui il paese ha disperato bisogno nel 2020. Ma anche che il Governo possa cadere e che si rendano necessarie nuove elezioni, con tutta l'incertezza che un simile scenario potrebbe portare nel quadro della paralisi politica". 
Non si tratta certo di novità, ma ciò che emerge dall'articolo è un giudizio piuttosto sprezzante della capacità italiana di far fronte all'emergenza, con conseguenze nefande per tutta l'Europa. 
Il tono usato nel pezzo ha fatto quindi infuriare Nicola Lener, ambasciatore italiano ad Abu Dhabi, che ha scritto una lettera al direttore del quotidiano Abdul Hamid Ahmad, mostrando molta rabbia per gli stereotipi presenti nel pezzo: “Trovo inaccettabile – scrive l’ambasciatore italiano – che quell’immagine sia associata con l’idea che l’Italia possa “infettare” l’economia europea. Lo scopo, niente affatto nascosto, di minare la credibilità del nostro paese presso il pubblico di riferimento del giornale con un'immagine del genere è “un’operazione di pessimo gusto, che offende nell’ordine tutti i malati di Covid-19 e tutte le vittime italiane; i dottori, gli infermieri e i professionisti impegnati nella battaglia contro il virus; i milioni di cittadini italiani che stanno affrontando questa emergenza e lo stop della maggior parte delle attività produttive con un grande spirito di unità nazionale”.
“Le istituzioni italiane – attacca l’ambasciatore italiano – con l’approccio incrementale richiesto a un sistema democratico, stanno affrontando con coraggio misure radicali per il contenimento del contagio, misure che stanno imitando paesi in tutto il mondo e la maggioranza delle nazioni europee”. In questo difficile momento, l’Italia si aspetta “rispetto, solidarietà e supporto, non sciocche prese in giro”. L'immagine è stata poi cancellata.