L'epidemia avanza e Trump pensa di mettere lo stato di New York in quarantena

Il presidente precisa "Sarebbe per un periodo breve di tempo per alcuni parti dello stato di New York, del Connecticut e del New Jersey. Ne parlerò con il governatore Andrew Cuomo"

Donald Trump

Donald Trump

globalist 28 marzo 2020
Sottovalutava e adesso è alla guida del paese più colpito del giorno: "Lo stiamo valutando e prenderemo una decisione".
Così il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulla possibilità di imporre la quarantena a New York, dove il numero di contagi da coronavirus sta accelerando.
"Sarebbe per un periodo breve di tempo" per alcuni parti dello stato di New York, del Connecticut e del New Jersey, ha aggiunto, precisando: "Ne parlerò con il governatore" Andrew Cuomo.
Trump, che ha parlato alla Casa Bianca con i giornalisti, ha fatto riferimento ad una quarantena "breve, due settimane". Il presidente ha sottolineato che preferirebbe non farlo, "ma potremmo averne bisogno". Si tratterebbe di una quarantena "esecutiva", che impedirebbe di uscire dallo stato, perché dei newyorchesi sono andati in Florida e "noi questo non lo vogliamo".