Nella Serbia sovranista le misure per il Covid-19 sono rivolte contro i migranti 'untori'

Il Governo ha riservato delle norme anti Covid-19 solo ai migranti, intimando loro di non uscire dai centri di accoglienza. Trattandoli, insomma, come untori.

Serbia

Serbia

globalist 28 marzo 2020

La Serbia è uno di quei paesi dove l'emergenza Coronavirus si è tradotta in un disinteressato invito del Governo a non uscire di casa rivolto agli over 65, ma niente di più: le persone circolano per le strade e nulla sembra essere cambiato. Ma nel paese l'aria era pesante già da prima. 

Lo scorso 8 marzo, davanti al palazzo del Govermo di Belgrado, circa 200 persone si sono radunate per urlare slogan razzisti e identitari come "La Serbia ai serbi" e "Se lo stato e la polizia non possono proteggere lo stato, lo faremo noi". Si chiedono "recinti per i migranti" e "libertà per i cittadini". Centro delle rimostranze sono i profughi afghani fuggiti da un paese in cui la guerra, nel 2019, ha fatto strage di civili. 
Il Governo ha riservato delle norme anti Covid-19 solo ai migranti, intimando loro di non uscire dai centri di accoglienza. Trattandoli, insomma, come untori. Come se non bastasse, un gruppo di estrema destra, il Dveri, ha iniziato a postare video sui social di ‘ronde di cittadini’ che impongono un coprifuoco ai migranti ‘sorpresi’ a girare di notte per le città serbe. Lo stesso movimento, dall’inizio dell’anno, accusa il governo di fare accordi segreti con l’Ue per accogliere migranti.