Trump se la prende ancora con l'Oms: "Paghiamo più della Cina ma sono più vicini ai cinesi"

In pieno emergenza Coronavirus il miliardario xenofobo continua a sproloquiare: "La Cina si è sempre approfittata di noi, non è neanche colpa sua, ma di chi glielo ha fatto fare"

Donald Trump

Donald Trump

globalist 10 aprile 2020

Un nuovo attacco perché se non trova ogni giorno qualcuno contro cui prendersela non è contento.

"Perché gli Stati Uniti versano 500 milioni di dollari all'Oms, la Cina quest'anno 42 milioni, ancora meno gli altri anni, 10 volte di meno di noi, e poi l'agenzia è molto incentrata sulla Cina, non mi piace, non è giusto per gli americani".


Così Donald Trump nella conferenza stampa alla Casa Bianca ritorna sulla polemica con l'Oms, facendo questa volta paragoni con il Wto, l'Organizzazione mondiale per il Commercio.
"La Cina si è sempre approfittata di noi, non è neanche colpa sua, ma di chi glielo ha fatto fare", ha detto ancora Trump affermando che però da quando è presidente lui le cose sono cambiate e gli Stati Uniti "vincono le cause al Wto".
Riguardo all'Oms il presidente ha detto che prossima settimana, quando "avremo tutti i fatti", farà un annuncio. Nei giorni scorsi Trump aveva minacciato di bloccare il versamento dei fondi all'organizzazione internazionale per la Sanità.