La Svezia paga la pessima gestione dell'emergenza: la fiducia nel Governo cala drasticamente

Dal 63% di aprile, oggi solo il 45% della popolazione ha fiducia nelle istituzioni. Come riporta il sito della Bcc, è in calo anche la fiducia nelle autorità sanitarie.

Svezia

Svezia

globalist 4 giugno 2020
Avevano scelto un modello non aggressivo di lotta al virus, contando sulla responsabilità civile della popolazione. Il risultato è stato disastroso: la Svezia è uno dei paesi con la più alta mortalità al mondo per Covid-19 e adesso la fiducia della popolazione nelle istituzioni è crollata di circa 20 punti (45% rispetto al 63% di aprile). Un calo che sarebbe epocale in qualsiasi paese ma che in Svezia, dove la fiducia del popolo nel Governo è sempre stata alta e praticamente scontata, è un risultato storico. Come riporta il sito della Bcc, è in calo anche la fiducia nelle autorità sanitarie, guidate dall'epidemiologo Anders Tgenell, scesa al 65% rispetto al 73% del mese scorso. Rimane ancora alta invece la fiducia nella qualità delle cure fornite dal sistema sanitario nazionale, all'80% contro l'84% di aprile.
L'inusuale politica adottata dall'esecutivo nei confronti dell'epidemia, con l'affidamento quasi totale al social distancing a scapito di quasi ogni altra misura di confinamento, ha provocato molte polemiche: in particolare, il governo è stato criticato per l'elevatissimo numero di decessi nelle case di riposo.