Oltre 50.000 morti ma per Bolsonaro le misure di sicurezza sono 'un'esagerazione'

Il Presidente ha rinnovato la sua richiesta alle autorità locali e regionali di allentare le misure di restrizione imposte per contenere il coronavirus

Bolsonaro

Bolsonaro

globalist 23 giugno 2020
Il Brasile è diventato il secondo Paese più colpito al mondo dalla pandemia di Coronavirus, con oltre 50.000 morti, ma nonostante questo Jair Bolsonaro continua a preoccuparsi di più della ripartenza dell'economia, senza capire (o facendo finta) che se non saranno rispettate le misure di sicurezza per il Brasile questa catastrofe continuerà senza tregue. 
Il Presidente ha rinnovato la sua richiesta alle autorità locali e regionali di allentare le misure di restrizione imposte per contenere il coronavirus, a fronte della difficile situazione economica del paese, sostenendo che "c'è stata un po' di esagerazione" nella gestione della pandemia.
"La campagna non si è fermata, ma le città e molti stati lo hanno fatto. Non sarà facile riattivare l'economia, per questo chiedo ai governatori e ai sindaci, ovviamente con responsabilità, di iniziare ad aprire le attività commerciali - ha detto Bolsonaro in un'intervista rilasciata per il lancio del nuovo canale televisivo AgroMais - perchè le informazioni che arrivano da tutto il mondo, dall'Oms con i suoi errori, mostrano che forse c'è stata un po' esagerazione nella gestione di questo problema".