Israele, il vaccino "elettorale" di Netanyahu. I palestinesi? Possono attendere

L’informazione mainstream di casa nostra ha subito starnazzato: “Italia guarda a Israele e impara”. Impara a vaccinare. Ma ha dimenticato qualche 'piccolo' particolare

Netanyahu riceve il vaccino anti-Covid

Netanyahu riceve il vaccino anti-Covid

Umberto De Giovannangeli 6 gennaio 2021

L’informazione mainstream di casa nostra ha subito starnazzato: “Italia guarda a Israele e impara”. Impara a vaccinare. Naturalmente la stessa informazione così entusiasta e partecipe poco o niente, salvo rare eccezioni, aveva scritto sulle decine di migliaia di israeliani che per mesi e mesi, con mascherine e distanziati, hanno preso d’assedio la residenza ufficiale del primo ministro Benjamin Netanyahu, a Balfour Street, nel cuore di Gerusalemme, e quella privata, a Cesarea, inferociti per come “Bibi” aveva affrontato l’emergenza sanitaria e condotto, maldestramente, la guerra al Covid -19. 


Vaccino elettorale


Tanto è interessato a dedicare ogni suo sforzo a come riassestare un Paese messo in ginocchio dalla pandemia – non solo in termini di morti, a decine di migliaia, ma di aziende costrette a chiudere, di posti di lavoro irrimediabilmente persi, di un incremento massivo delle famiglie che vivono sotto la soglia di povertà – tanto è interessato a questo, che ha deciso di portare gli israeliani a elezioni anticipate, a marzo, le quarte in due anni. Un primato mondiale.  Chi scrive ha avuto modo di intervistare Netanyahu e scrivere su di lui, assieme a Riccardo Cristiano, un instant book quando, nel 1996, neanche un anno dopo l’assassinio di Yitzhak Rabin, Netanyahu sconfisse per trentamila voti Shimon Peres. La sua abilità tattica è fuori discussione, su questo terreno non c’è partita. Così come il primo ministro più longevo nella storia d’Israele, più del fondatore dello Stato ebraico, David Ben Gurion, ha manifestato un’abilità senza eguali nel saper annientare i suoi più pericolosi competitori, soffocandoli in abbracci mortali, trasformandoli da alleati in vassalli. Ultimo, in ordine di tempo, è quel Benny Gantz che si è politicamente suicidato accettando di formare un governo con l’uomo di cui nelle tre campagne elettorali anticipate si era professato irriducibilmente alternativo. Gantz è andato al governo, ha distrutto la coalizione centrista che lo aveva portato ad essere il leader del primo partito d’Israele, da solo o alla pari col Likud di Netanyahu, e ora è stato abbandonato alla sua sorte, grama stando ai sondaggi, anche da quegli esponenti di Kahol Lavan (Blu e Bianco) che pure aveva imbarcato al governo. Liquidata la questione palestinese, nessuno ne parla più in Israele, Bibi può dedicarsi alla gestione elettorale di quella scoperta il cui unico merito va a quei ricercatori israeliani che pure un infuriato Netanyahu, accusato dagli stessi uomini che lui aveva messo alla guida della task force anti-Covid di improvvisazione e scelte “demenziali, aveva irriso pubblicamente. 


Sul fronte delle vaccinazioni anti-Covid, Israele è il Paese che sta marciando a ritmi più serrati di chiunque altro al mondo: secondo l’organizzazione Our World in Data, il 2 gennaio Israele  poteva vantare di aver già somministrato la prima dose del vaccino Pfizer/BioNTec al 12,59% della popolazione, quattro volte di più rispetto al secondo in classifica, il Bahrain, che ha puntato sul vaccino cinese. 


Ovviamente, questo importantissimo risultato, è stato subito trasformato dalla macchina elettorale di Netanyahu, già perfettamente oliata e funzionante, in un “vaccino elettorale” destinato a sbaragliare le opposizioni. 


Il segreto dei segreti


Alla stampa mainstream consigliamo la lettura della performante ricostruzione di questa storia vaccinale fatta su Haaretz da Amos Harel, firma di punta del quotidiano progressista di Tel Aviv.


“Il segreto più profondo del Paese nell'ultima settimana non ha nulla a che fare con il reattore nucleare di Dimona o con i piani per un possibile attacco al programma nucleare iraniano. Piuttosto, è esattamente quante dosi di coronavirus ha attualmente Israele – scrive Harel-.


Il direttore generale del Ministero della Salute, Chezy Levy, la cui abilità nel rilasciare interviste ai media è recentemente migliorata, è attento a non rispondere a domande dirette su questo argomento. Lui e altri intervistati del sistema sanitario giustificano il loro rifiuto con il fatto che Israele ha firmato accordi segreti con i produttori di vaccini. L'implicazione è che questi ultimi non vogliono suscitare l'ira di altri Paesi che gridano per i vaccini. Secondo varie stime, Israele ha ricevuto finora circa quattro milioni di dosi del vaccino Covid-19. Ma il ministero della Salute si rifiuta di fornire informazioni dettagliate.


Prima dell'alba di martedì, Moderna ha annunciato che il ministero della Salute ha approvato il suo vaccino per l'uso in Israele e che, come concordato in precedenza, fornirà sei milioni di dosi, sufficienti per vaccinare altri tre milioni di persone. Moderna ha detto che la prima spedizione sarebbe partita a breve, anche se non ha specificato quando. Il ministro della Salute e del Lavoro Yuli Edelstein ha offerto valutazioni contrastanti su quando sarebbe arrivato. La tempistica è importante, perché se non si ricevono dosi aggiuntive da Pfizer o Moderna questo mese, è probabile che Israele si trovi temporaneamente senza scorte.


Sulla base delle conversazioni con le organizzazioni di mantenimento della salute, è come se smettessero di somministrare la prima dose del vaccino all'inizio della prossima settimana. Il numero di dosi rimanenti è quasi identico al numero di persone in gruppi ad alto rischio che non sono ancora state vaccinate. Entro la prossima settimana, le Hmo e gli ospedali avranno vaccinato poco più di due milioni di persone.


Passeranno poi circa tre settimane per somministrare la seconda dose di vaccino. L'inventario necessario per questa dose è intoccabile, perché deve essere consegnato in tempo a tutti coloro che hanno già ricevuto la prima dose. Questo lascia al sistema sanitario poco spazio di manovra fino all'arrivo di dosi aggiuntive. Secondo i dati del ministero della Salute, a partire da martedì mattina, quasi il 60% delle persone di 60 anni e più - il gruppo a maggior rischio di malattie gravi - è stato vaccinato. Circa il 75 per cento dei vaccini somministrati finora sono stati somministrati a persone appartenenti a gruppi a rischio (anziani o persone con determinate condizioni preesistenti).


Ma i tassi di risposta tra questi gruppi dovrebbero gradualmente diminuire, e sarà difficile raggiungere alcuni degli anziani che non sono stati vaccinati. La difficoltà di colmare queste lacune ha creato ogni giorno eccedenze di vaccini. Poiché le dosi devono essere utilizzate o distrutte, il resto è andato a beneficio dei più giovani e, a volte, di associazioni professionali che esercitano pressioni.


Edelstein ha detto martedì che Israele prevede di vaccinare dal 70 all'80 per cento della popolazione - cioè quasi tutti coloro che hanno più di 16 anni - entro aprile o maggio. Ciò significa che il governo conta di ottenere tutte le dosi promesse da Moderna più dosi aggiuntive da Pfizer nei prossimi mesi per raggiungere il totale richiesto di circa 14 milioni di dosi. ali calcoli sollevano il pensiero eretico che la nebbia deliberata intorno al numero di dosi possa essere collegata a considerazioni politiche. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha costruito una parte significativa della sua campagna elettorale per le elezioni del 23 marzo intorno al fatto di portare i vaccini in Israele rapidamente e di inoculare una parte significativa della popolazione, in modo da creare l'impressione che Israele sia in vantaggio rispetto alla maggior parte degli altri Paesi nell'uscita dalla crisi del coronavirus.


Israele sta raccogliendo i frutti di trattative ragionevoli con i produttori e la comprensione della necessità di una campagna di vaccinazione precoce e accelerata. Ma Netanyahu sta camminando su una linea sottile. Dipende dal rapido arrivo di ulteriori spedizioni del vaccino in un momento in cui l'incidenza del virus continua ad aumentare. Lunedì sono stati eseguiti 112.000 test coronavirus da record e il 7,4% dei risultati è risultato positivo. Se Netanyahu non riesce a controllare il ritmo delle vaccinazioni e a contenere il tasso di infezione, il suo piano d'azione potrebbe essere interrotto.


Forse Netanyahu sta conservando la buona notizia dell'arrivo di ulteriori vaccini per poterla annunciare insieme a un inasprimento del blocco. Il ministero della Salute ha insistito per giorni affinché il governo renda più severo il blocco in tempi brevi, sostenendo che l'alta incidenza del virus porterà a un alto numero di morti e potrebbe anche mettere a repentaglio la qualità delle cure che i pazienti affetti da coronavirus ricevono negli ospedali.


Con l'aumento del numero di pazienti gravemente malati, alcuni direttori di ospedali hanno iniziato a proiettare uno stato d'animo di crisi nei loro reparti di coronavirus e nelle unità di terapia intensiva. Alcuni medici hanno fatto lo stesso sui social media.


Martedì scorso, Netanyahu e il ministro della Difesa Benny Gantz hanno annunciato di aver raggiunto un accordo sull'inasprimento dell'isolamento e la chiusura delle scuole. L'inasprimento dell'isolamento avrà effetto venerdì e durerà inizialmente da 10 giorni a due settimane (anche se di solito gli inasprimenti durano più a lungo di quanto inizialmente previsto). Dato l'aumento dell'incidenza del virus, è stata accettata la richiesta del Ministero della Salute di chiudere tutte le scuole, ad eccezione dell'istruzione speciale. Nell'ultima settimana, c'è stato un vivace dibattito con il Ministero dell'Educazione sul numero di bambini e adolescenti infetti, ma questo dibattito manca il punto principale: l'incidenza del virus nelle scuole ultra-ortodosse è più del doppio di quella delle scuole statali laiche e delle scuole religiose statali.


Finora il governo non è riuscito a far rispettare le norme di blocco delle scuole ultra-ortodosse. In pratica, ha lasciato che queste scuole continuassero a funzionare come al solito anche in tempi in cui tutte le altre scuole erano completamente chiuse. A soli due mesi e mezzo dalle elezioni e con Netanyahu completamente dipendente dai suoi partner ultra-ortodossi nella coalizione di governo, non c'è motivo di pensare che questa volta sarà diverso”.


Gli “svaccinati”.


 Per ora - riporta il Guardian - il vaccino è un lusso inaccessibile ai palestinesi di Gaza e Cisgiordania, con le dosi che arrivano nei Territori occupati ma vengono somministrate solo ai coloni israeliani. La denuncia arriva da gruppi per i diritti umani, che accusano Israele di escludere dalla campagna vaccinale milioni di palestinesi che vivono nei Territori occupati (Cisgiordania, Gerusalemme Est e Striscia di Gaza). “Non so come, ma ci sarà un modo per rendere anche noi una priorità?”, è la domanda di Mahmoud Kilani, allenatore sportivo di 31 anni della città palestinese di Nablus. “A chi importa di noi? Non credo che nessuno sia fermo su questa domanda”.


Il signor Kilani ha pienamente, e tristemente, ragione. Il “vaccino elettorale” di Netanyahu non può essere sprecato per il “popolo invisibile” (da Israele e dal mondo). Il popolo palestinese.