Gli ebrei americani accusano Trump: "Ha sdoganato il razzismo suprematista e antisemita"

Le parole dell’amministratore delegato della Anti-Defamation League Jonathan Greenblatt e del direttore del Comitato ebraico americano per la lotta all'antisemitismo Holly Huffnagle,

Nazista e antisemita sostenitore di Trump

Nazista e antisemita sostenitore di Trump

Umberto De Giovannangeli 7 gennaio 2021

Per comprendere la portata del pericolo del terrorismo insurrezionalista dell’estrema destra americana, è bene rivolgersi a chi, in America, da tempo monitora la galassia neonazista del white power.


L’amministratore delegato della Anti-Defamation League Jonathan Greenblatt e il direttore del Comitato ebraico americano per la lotta all'antisemitismo Holly Huffnagle, hanno parlato con Haaretz della responsabilità del presidente Donald Trump per la situazione attuale, così come delle azioni tangibili che l'amministrazione Biden può intraprendere per contrastare l’estremismo suprematista.


Le responsabilità di Trump


"Il presidente ha promosso la sedizione e incitato alla violenza", ha detto Greenblatt in una dichiarazione di mercoledì. "Le persone che aggrediscono le forze dell'ordine o che violano gli edifici governativi devono essere arrestate e ritenute responsabili". Più di ogni altra cosa, quello che è successo al Campidoglio è il risultato diretto della paura e della disinformazione che è stata costantemente diffusa dallo Studio Ovale. La campagna di disinformazione di Trump è un chiaro e presente pericolo per la nostra democrazia".


Greenblatt ha detto ad Haaretz, prima degli eventi di mercoledì, che mentre l'estremismo interno agli Stati Uniti non è un fenomeno nuovo, c'è stato un significativo incremento dell'estremismo, in quantità e pericolosità, da quando Trump si è insediato nel 2017.


"Ha amplificato e legittimato l'estremismo in un modo che non si era mai visto prima, e in modo allarmante e crescente. È iniziato durante la [prima] campagna, accreditando i media della supremazia bianca e ritweeting memi che sono nati in bacheche di estrema destra o oscuri subreddit e sono improvvisamente emersi nella conversazione pubblica attraverso il candidato", spiega Greenblatt. 


Huffnagle fa eco a questo, spiegando che c'è stato un aumento e una crescita dei movimenti di supremazia bianca negli ultimi quattro anni. L'anno 2015 "ha segnato una svolta in un aumento degli incidenti antisemitici", dice. Abbiamo dati di percezione ebraica, statistiche dell’Fbi e altre indagini sui dati degli incidenti che lo dimostrano". È più difficile misurare gli atteggiamenti, ma i dati sugli incidenti mostrano un aumento degli incidenti, che sono anche diventati più violenti e più aperti".


Greenblatt osserva che i sostenitori della supremazia bianca sono stati incoraggiati dalla retorica di Trump durante il suo mandato di presidente. "Abbiamo visto questa recrudescenza dell'estremismo di destra, iniziata durante la campagna elettorale che ha poi marciato all'aperto a Charlottesville [durante il raduno di Unite the Right nell'agosto 2017]. Dal 2016 al 2019, solo i sostenitori della supremazia bianca hanno ucciso 116 persone negli Stati Uniti, e altri estremisti di destra hanno aggiunto circa 21 morti in questi tre anni", riferisce Greenblatt. "L'Fbi vi dirà che il pericolo più chiaro e presente, in termini di terrore interno, è l'estremismo di destra". Huffnagle concorda sul fatto che Trump ha dato potere, o almeno ha dato forza agli antisemiti. "Penso che sia una distinzione importante il fatto che non chiamiamo i nostri leader di governo antisemiti - ma le parole portano all'effetto antisemita, se non all'intenzione", dice. "Anche se non era intenzione del presidente, c'è una correlazione con le sue parole e con i movimenti di supremazia bianca che si sentono incoraggiati. Sentono il fischio del cane. Hanno sentito quello che volevano sentire".


“I leader devono guidare”


Per Greenblatt che la prima azione del neo presidente democratico, una volta insediato, il prossimo 20 gennaio alla Casa Bianca,  dovrebbe essere quella di dimostrare una capacità di leadership che è stata assente negli ultimi quattro anni. "I leader devono guidare. Va ricordato che quando [Biden] ha annunciato la sua candidatura, l'ha legata a Charlottesville e a quella sfacciata dimostrazione di antisemitismo e razzismo. I leader hanno bisogno di condannare in modo chiaro, convincente e coerente la supremazia bianca e l'odio razzista e antisemita. Non solo a parole, ma nei fatti. Hanno bisogno di incarnare questa idea che la diversità è un punto di forza in questo Paese. Sono contento di vedere l'amministrazione [in arrivo] abbracciare questo concetto dal modo in cui ha costruito il suo gabinetto, dal vice presidente in giù", dice.


Il Ceo di Adl propugna la costituzione di una task force che coinvolga i diversi rami del governo in uno sforzo coordinato per combattere l'estremismo. "Uno sforzo sia a livello globale che nazionale, poiché si tratta di una minaccia terroristica globale", rimarca Greenblatt. Mi assicurerei che vada al di là di questo approccio di tutto il governo; guarderei anche alle forze dell'ordine statali e locali". Mi assicurerei anche che il nostro sistema educativo non permetta alle radici della radicalizzazione di radicarsi", dice.


Huffnagle spera anche che la Casa Bianca istituisca un organismo inter-agenzie per i crimini d'odio che migliori il coordinamento tra le agenzie federali per affrontare l'estremismo interno.


"Si tratta di due parti: la denuncia e l'azione penale", puntualizza. "Speriamo che il No Hate Act  passi e fornisca più risorse alle forze dell'ordine”. La raccomandazione principale di Huffnagle è di migliorare la protezione della comunità ebraica.


"Negli ultimi tre anni abbiamo constatato che la comunità ebraica non si sente sicura. Il 56 per cento delle istituzioni ebraico-americane ha aumentato la sicurezza negli ultimi due anni; un ebreo americano su tre ha evitato certi luoghi a causa delle sue preoccupazioni per la sicurezza. L’'amministrazione Biden deve impegnarsi a fornire ulteriori risorse per la protezione della comunità ebraica. Non è qualcosa che possono o devono necessariamente fare da soli", dice. 


Greenblatt e l'Adl hanno guidato l'anno scorso la campagna "Stop Hate for Profit", conducendo un boicottaggio pubblicitario contro le aziende dei social media - in particolare Facebook - nel tentativo di responsabilizzarle per aver ospitato l'odio sulle loro piattaforme e aver valorizzato i profitti rispetto al pregiudizio. Dice che i social media sono stati "la forza fondamentale" dietro il rapido mainstreaming dell'estremismo e l'ampliamento delle divisioni sociali.


"Dall'account Twitter del presidente al modo in cui le piattaforme amplificano algoritmicamente i nostri peggiori impulsi, è piuttosto allarmante", spiega Greenblatt. "Quando l'amministrazione cerca di capire come combattere 'odio, deve concentrarsi completamente su come fare ii conti con il ruolo che questi prodotti svolgono nell'eliminare e normalizzare i pregiudizi, e su come prendiamo le misure per garantire che, se affrontiamo questo problema, useremo un approccio di tutta la società per combattere non solo l'antisemitismo o il razzismo, ma tutte le forme di estremismo. e i social media hanno un ruolo fondamentale da svolgere nel frenare alcuni dei peggiori attori".


Huffnagle ritiene che combattere l'estremismo interno sia per molti versi una lotta contro "la digitalizzazione del problema". Uno dei motivi principali per cui sappiamo che i gruppi della supremazia bianca sono riusciti a crescere in modo così significativo negli ultimi cinque anni è l'impollinazione incrociata di algoritmi, soprattutto su Facebook, e la loro capacità di crescere online - che ha conseguenze offline. Il governo può spingere queste aziende più di quanto non abbia fatto, senza violare i diritti del Primo Emendamento”.


Come combattere gli antisemiti


Greenblatt ritiene che il Congresso abbia un importante ruolo da svolgere ed è ottimista sul fatto che ci sarà un sostegno bipartisan per combattere l'estremismo. "Non sono stati solo i Democratici a parlare dopo Charlottesville", dice. Sono stati anche "repubblicani come Mitt Romney, che non era ancora in carica, e Paul Ryan, che era il portavoce della casa. Ci sono stati molti repubblicani che si sono fatti avanti e hanno fermamente condannato quanto accaduto", aggiunge, osservando che l'Adl è in costante contatto con i membri di entrambi i partiti in entrambe le Camere.


Greenblatt si dice ottimista sul fatto che l’uscita di scena di Trump servirà per contrastare la crescita delle organizzazioni di estrema destra. "Quando non avranno più questa amplificazione da parte del leader eletto più potente del pianeta, ciò potrebbe avere una ricaduta importante per una loro marginalizzazione, attenzione però a non abbassare la guardia. Il terrorismo suprematista non si dissiperà da solo. Richiederà uno sforzo di lungo periodo da parte del governo e di tutta la società”.  


Huffnagle conclude con un monito: "Non credo che se ne andranno. L'assenza di qualcuno che ammirano potrebbe incoraggiarli ancora di più, potrebbero andare sottoterra", dice. Questo è un problema americano, una questione sociale che minaccia di rompere la democrazia". Dobbiamo davvero concentrarci su questa visione dell'America che va avanti, e penso che Biden possa esortare gli altri americani ad interessarsi di più a questo problema, usando l’autorità che gli deriva dall’essere il Presidente, per parlare e agire contro l'estremismo interno".


Quell’estremismo che Donald Trump ha fomentato, aizzato, legittimato fino all’ultimo giorno della sua sciagurata presidenza.


(ha collaborato Cesare Pavoncello)