Lorber: "Capitol Hill un putsch fallito ma l'ispiratore sta ancora allo Studio Ovale"

L'opinione di Ben Lorber, analista e ricercatore sull’antisemitismo e il suprematismo bianco per il Political Research Associates di Boston

Senatori degli Stati Uniti durante l'assalto a Capitol Hill

Senatori degli Stati Uniti durante l'assalto a Capitol Hill

Umberto De Giovannangeli 9 gennaio 2021

Non è un fenomeno passeggero. Nè residuale. L’America che si arma, non solo metaforicamente, in nome e per conto di Donald Trump, va radiografata, monitorata, raccontata, indagata come si deve a qualcosa che rappresenta un pericolo che va ben oltre i confini degli Stati Uniti. 


E’ quello che Globalist sta cercando di fare, avvalendosi di contributi preziosi di autorevoli studiosi della galassia suprematista, razzista, antisemita, made in Usa.


Non abbassare la guardia


Il nostro viaggio tra i neonazisti trumpiani prosegue con Ben Lorber, analista e ricercatore sull’antisemitismo e il suprematismo bianco per il Political Research Associates di Boston,  uno dei più autorevoli think tank che studia i movimenti di destra americani.


“Una bandiera confederata, una camicia con la scritta ‘Campo Auschwitz’, insegne di milizia e paramilitari e simboli nazionalisti bianchi: Questi erano alcuni dei membri della folla di sostenitori di Trump che hanno preso d'assalto il Campidoglio il 6 gennaio nel drammatico tentativo di ritardare la certificazione dei risultati delle elezioni, un atto senza precedenti nella storia degli Stati Uniti – scrive Lorber -. Mentre i membri di entrambe le camere del Congresso erano riuniti in Campidoglio per certificare la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali del 2020, quella folla, tra cui nazionalisti bianchi, gruppi di miliziani, cospiratori di QAnon e vigilanti, ha occupato uffici del Congresso, ha aggredito poliziotti e giornalisti, ha scarabocchiato graffiti ‘assassina i media’ sulla porta di un senatore, mentre un altro sembrava pronto a rapire i senatori.


Si sono sorpresi, sembrava, di quanto fosse facile prendere il controllo dell'edificio al centro della democrazia statunitense. Il presidente aveva a lungo segnalato il 6 gennaio come giorno di protesta ‘selvaggia’, facendo scattare i preparativi dei manifestanti. Che l'invasione del Campidoglio fosse stata pianificata o meno, le loro azioni sono state un tentativo di colpo di stato fallito solo perché il loro leader, mentre li incitava a prendere le armi contro il risultato delle elezioni, mancava del sostegno dello Stato di sicurezza, e doveva dire loro con riluttanza che, nonostante la legittimità della loro rabbia per le ‘elezioni fraudolente’, manipolate da una controparte ‘così cattiva, così malvagia’, avrebbero dovuto tornare a casa ‘con amore e in pace’. ‘Non ci arrenderemo mai, non ci arrenderemo mai’. E' così che Trump ha galvanizzato i sostenitori in un discorso poco prima del tentativo di putsch. Sia chiaro: la retorica demonizzante e infiammatoria di Trump e dei leader di tutta la destra ha portato la democrazia americana a questo spaventoso precipizio. Per tutto mercoledì, insistendo nell’opporsi alla volontà dell'elettorato, Trump ha continuato ad impegnarsi in teorie cospirative che attaccano l'integrità dei funzionari elettorali di entrambi i partiti. Mentre la folla gridava: ‘Combatti per Trump! Egli continuò nel fomentare il putsch ‘Non lo sopporteremo più... fermeremo il furto’. Dopo questo - ha detto alla folla , parlando come a un sol uomo - scenderemo a piedi fino al Campidoglio e io sarò lì con te... non ti riprenderai mai il nostro Paese con la debolezza.  Devi mostrare forza, e devi essere forte’. Il senatore populista di estrema destra Josh Hawley ha alzato il pugno in solidarietà con i manifestanti poco prima del tentativo di putsch. 


A partire da molto prima del 3 novembre, Trump e le principali figure di destra hanno cementato la narrazione, nell'immaginazione di milioni di sostenitori, che un'oscura e onnipotente cospirazione dei Democratici, di George Soros ha finanziato ‘globalisti’ e cospiratori di ogni risma finanziati da Soros, determinati a rubare l'elezione al presidente Trump. Sconfiggere questa tirannica cabala richiederebbe, come ha detto Donald Trump Jr., un ‘Esercito per Trump, con cui partire lancia, o meglio, mitra in resta per una nobile crociata, non solo per assicurare a Trump un secondo mandato, ma per difendere l'essenza stessa della libertà e della democrazia americana dai sovversivi e dai traditori. Per i milioni di persone che hanno creduto in questo racconto contorto dell'eroismo falsamente rivoluzionario, viene naturale, conseguenziale, ritrovarsi nel podcaster di una dei leader dell’assalto a Capitol Hill, Cassandra Fairbanks, che ha detto poco dopo il tentativo di putsch: ‘Se credete davvero, come lo credo io,  che questa elezione sia stata rubata, non pensereste che questa protesta sia sproporzionata". Per le strade di Washington, i canti del "1776" si mescolavano alla bandiera a stelle e strisce, rafforzando la percezione che la folla aveva di se stessa come coraggiosa patriota, prendendo d'assalto il Campidoglio per ‘Salvare l'America’.


Una tempesta che viene da lontano


“ Questa tempesta  – prosegue l’analista di Boston -  si sta abbattendo da tempo sulla destra degli Stati Uniti.  Mentre un'ondata di proteste ‘ReOpen’ di estrema destra ha inghiottito il Paese nella primavera del 2020, Trump ha galvanizzato la coalizione di gruppi di miliziani, cospiratori di QAnon e libertari nominali che si sono riuniti in tutto il Paese con inviti provocatori a ‘liberare" gli Stati dal presunto regno dispotico dei governatori democratici. ‘Il presidente sta fomentando la ribellione interna e diffondendo menzogne", ha avvertito il governatore di Washington Jay Inslee,’spargendo una retorica pericolosa e antidemocratica’.  Due settimane dopo, le milizie hanno occupato l'edificio della capitale dello stato a Lansing, Michigan, in una prefigurazione di quello che sarebbe venuto a Washington: ‘Queste sono persone molto buone’, ha spiegato il giorno dopo su Twitter il sempre desideroso apologeta Trump, esortando il governatore democratico del Michigan Gretchen Whitmer a ‘incontrarli, parlare con loro, fare un accordo’. Mesi dopo, molti di questi stessi membri della milizia sono stati arrestati per aver complottato per rapire Whitmer. Durante le proteste del Black Lives Matter di quest'estate, politici di destra e comunicatori  mediatici hanno celebrato le violente mobilitazioni di milizie e gruppi di vigilanti contro gli attivisti della giustizia razziale, e si sono precipitati a difendere il presunto omicidio del membro della milizia Kyle Rittenhouse di due manifestanti della Black Lives Matter a Kenosha, Wisconsin.  Il presentatore di Fox News, Tucker Carlson, ha affermato che Rittenhouse si è fatto avanti ‘per mantenere l'ordine quando nessun altro lo avrebbe fatto. I legislatori del Gop hanno elogiato la ‘moderazione’  di Rittenhouse e hanno persino esortato il vigilante a candidarsi al Congresso. ‘La forza è più efficace del voto’, ha trasmesso Carlson ai suoi milioni di telespettatori nel giugno 2020, sostenendo di attribuire a Black Lives Matter un punto di vista che, di fatto, telegrafava direttamente alla base di Trump. ‘Le elezioni non cambiano nulla... la violenza funziona’.  Al primo dibattito presidenziale di settembre, Trump ha detto al gruppo di combattenti di strada misogini Proud Boys di ‘stare indietro e stare in disparte... perché qualcuno deve fare qualcosa per l'antifa e la sinistra", rivolgendosi al gruppo in modo intimo come se fossero i suoi fanti personali. I Proud Boys, insieme a vari gruppi di miliziani, patrioti, vigilanti e nazionalisti bianchi di tutto il Paese, sono stati incoraggiati dal saluto, e si sono dimostrati desiderosi di difendere la presidenza Trump, mettendo in atto violenze contro gli oppositori politici durante le proteste post-elettorali in tutto il Paese.  ‘Mi sono venuti i brividi’, ha scritto il neonazista Andrew Anglin il giorno dopo il dibattito. ‘Ho ancora i brividi’. Sta dicendo alla gente di stare in disparte. Come dire: Preparatevi alla guerra’.


Quando i leader di destra danno voce a narrazioni demonizzanti, cospiratorie e insurrezionali, contribuiscono a creare un clima che incoraggia i movimenti delle milizie, le fazioni che combattono per le strade, i nazionalisti bianchi e i sostenitori radicalizzati di Trump ad agire contro i nemici indicati, siano essi minoranze razziali e religiose, i media o anche le stesse istituzioni della democrazia. Amplificata e ripetuta dai media di destra e condivisa da milioni di seguaci, questa retorica funziona, secondo le parole del ricercatore Chip Berlet, come ‘violenza da copione0. Incoraggia i seguaci ad ‘adottare’ un ‘complesso di supereroi’, che giustifichi i loro atti di violenza o di terrorismo per ‘salvare la società’ dalle minacce imminenti dei nemici nominati ‘prima che sia troppo tardi’. Così, ‘un leader non ha bisogno di esortare direttamente alla violenza", scrive Berlet, ‘per creare un’onda d’urto che ascolti e realizzi l’appello ad agire contro il nemico designato’.  ‘Ricorda questo giorno per sempre’, ha rapsodizzato i suoi seguaci su Twitter poco dopo il putsch del 6 gennaio, cercando di normalizzare i disordini della giornata come semplici ‘cose ed eventi che accadono quando una sacra vittoria elettorale viene sottratta a grandi patrioti che sono stati trattati male e ingiustamente per così tanto tempo’.


All'indomani del putsch, l'estrema destra è euforica, con le milizie che invocano ‘una guerra a tutto campo sul suolo americano’. L'impatto della retorica escalation di Trump e della destra durerà a lungo, poiché i populisti di destra saranno ancora più determinati a commettere atti di insurrezione violenti per perseguire fini  antidemocratici.  Lo stesso Trump ha dato loro un continuo margine di manovra in una tipica esibizione di doppi sensi, quando giovedì ha finalmente riconosciuto che, nonostante il ‘totale disaccordo con l'esito delle elezioni’, ci sarebbe stata una ‘transizione ordinata’, aggiungendo, però, che è stato ‘solo l'inizio della nostra lotta per rendere l'America di nuovo grande’. Per gli anni a venire, la destra radicalizzata negli Stati Uniti rappresenterà una minaccia frontale per le minoranze vulnerabili e per le istituzioni sempre più fragili della democrazia stessa.”, conclude  Lorber.


Toglietegli la valigetta nucleare


Intanto, la Speaker della Camera Nancy Pelosi ha annunciato che se il presidente non si dimetterà immediatamente  - cosa che i suoi consiglieri escludono - la "House" procederà con l'impeachment: i capi di imputazione sono già pronti e potrebbero essere presentati lunedì,  il voto è atteso per metà della prossima settimana. Nella bozza si accusa il presidente di aver "messo gravemente in pericolo la sicurezza degli Stati Uniti e delle loro istituzioni di governo", di aver "minacciato l'integrità del sistema democratico e interferito con una pacifica transizione di potere". E di aver dimostrato "che resterà una minaccia alla sicurezza nazionale, alla democrazia e alla Costituzione se resterà in carica". Citando il precedente di Richard Nixon nel Watergate, la Pelosi ha chiesto ai repubblicani di convincere il presidente a lasciare per evitare l'ignominia di un altro impeachment. La Speaker della Camera ha parlato anche con il capo dello Stato maggiore congiunto Mark Milley per discutere le precauzioni disponibili "per impedire a un presidente instabile di avviare ostilità militari o di accedere ai codici di lancio e di ordinare un attacco nucleare". La Pelosi ha detto che all'impeachment preferirebbe le dimissioni o il 25/emendamento, ma il vicepresidente Mike Pence (che sembra contrario) finora non si è fatto sentire. L'eventuale messa in stato di accusa potrebbe essere un'abile mossa politica per costringere i repubblicani a prendere posizione ed eventualmente dividersi ma, a causa dei tempi stretti, rischia di avere solo una valenza simbolica. Trump comunque rischia anche un'inchiesta federale: "stiamo esaminando il ruolo di tutti gli attori, non solo di quelli che hanno fatto irruzione a Capitol Hill", ha ammonito il procuratore della capitale Michael Shervin.   E l’attore protagonista siede ancora nello Studio Ovale.