C’era una volta la democrazia negli Stati Uniti: oggi c’è il putsch

Trump ha fatto pressione su Pence per progettare un colpo di stato, poi ha messo in pericolo il vicepresidente. Durante la rivolta ha cercato di chiamare i senatori per incitarli a ribaltare le elezioni.

Assalto dei nazisti trumpiani a Capitol HIll

Assalto dei nazisti trumpiani a Capitol HIll

Umberto De Giovannangeli 10 gennaio 2021

La minaccia non è svanita. L’ombra di un colpo di Stato, tutt’altro che archiviato, si proietta sul futuro, un futuro che si fa presente, degli Stati Uniti d’America. A darne conto è una lunga e allarmata analisi della Cnn.

Leggerla aiuta a capire, sforzo che Globalist sta portando avanti dai giorni precedenti all’assalto a Capitol Hill, che, a differenza di quanto detto e scritto da improvvisati e sedicenti conoscitori nostrani della realtà americana, ciò che è accaduto e continua ad accadere negli Usa tutto è meno che un fatto folcloristico, di grotteschi sciamani con le corna, ne è riducibile all’azione “avventata” di un manipolo di cerebrolesi suprematisti. La realtà è molto più grave e per niente folcloristica. Il putsch non è terminato, la nazione è sull’orlo del baratro


La presidenza di Donald Trump - rileva il report della Cnn - è nella sua ultima, caotica spirale. Ma anche con la fine così vicina ogni ora sembra portare una nuova minaccia alla fragile democrazia americana. A meno di due settimane dall'insediamento del presidente eletto Joe Biden, la nazione è sull'orlo del baratro: non si sa se Trump inciterà un altro giro di violenza o se continuerà, in modo petulante, a cercare sbocchi per lamentarsi della decisione di Twitter di bandirlo. Riconoscendo l'instabilità, il Vice Presidente Mike Pence non ha escluso la possibilità invocare il 25° emendamento, ha dichiarato sabato sera alla Cnn una fonte vicina al Vice Presidente. Il rapporto tra Trump e Pence è incrinato: non si parlano da mercoledì, quando una violenta folla ha preso d'assalto il Campidoglio, e il Presidente non si è mai preoccupato di controllare la sicurezza di Pence. ‘Condanniamo tutte le chiamate alla violenza, incluse quelle contro qualsiasi membro dell’amministrazione’. E’ la laconica risposta della Casa Bianca a chi chiedeva un commento sui cori che invocavano l’impiccagione per Pence durante gli scontri al Congresso. Impiccarlo è troppo, ma per Trump il suo vice è ormai annoverato tra i ‘traditori’.


L'insurrezione ha messo il Paese di fronte a un bivio. I Democratici potrebbero avanzare una nuova richiesta di impeachment questa settimana, questa volta per il ruolo di Trump nell'istigazione della rivolta mortale. Se andranno avanti, i repubblicani potrebbero di nuovo trovarsi di fronte a una prova pubblica della loro lealtà. Che così pochi sembrano disposti a parlare con forza, per non parlare dell'impegno ad agire contro il Presidente, suggerisce che l'assedio del Campidoglio ha meno probabilità di aver segnato la fine sanguinosa del trumpismo che l'apertura di un capitolo più pericoloso.


Il giorno in cui l'America si è resa conto di quanto sia pericoloso Donald Trump


Lo stile paranoico della politica americana, come lo storico Richard Hofstadter lo descriveva quasi 60 anni fa, non è una novità. Sotto Trump, però, e attraverso nuovi canali organizzativi sui social media, ha radicalizzato ulteriormente il moderno Partito Repubblicano e si è spostato costantemente dai margini al centro del potere politico di Washington e delle capitali dello Stato in tutto il Paese, che anche questa settimana ha visto scontri violenti. Dalla loro bolla dorata, i principali repubblicani hanno espresso condanner contrastanti - per lo più concentrate su Trump e i suoi principali alleati nella bravata del collegio elettorale, Sens. Ted Cruz del Texas e Josh Hawley del Missouri - con un ritornello familiare: ogni rimprovero significativo a questa terribile manifestazione servirebbe solo a politicizzarla e a dividere ulteriormenteil Paese. I piani per incriminare di nuovo Trump e persino la deplatformatura del Presidente da parte di Twitter dovrebbero, hanno detto molti repubblicani, essere visti come mosse politiche piuttosto che come misure razionali e in ritardo per combattere un feroce assalto alla democrazia. Ma coloro che avrebbero negato la portata della minaccia sono stati spogliati delle loro foglie di fico - o delle loro illusioni - mercoledì, dando il via a un'appassionante corsa fino al 20 gennaio, quando Pence - ma non Trump - parteciperà alla cerimonia di investitura del Presidente eletto Joe Biden.


I repubblicani non si sono allontanati troppo da Trump


Ma se Pence, nel suo tentativo di tenere Trump in disparte fino ad allora, conta su un'effusione di sostegno da parte dei suoi vecchi colleghi di Capitol Hill, rimarrà deluso. Poco prima che la cnn riferisse che il vice presidente sta tenendo sul tavolo il 25° Emendamento, il rappresentante del Texas Kevin Brady lo ha rifiutato - lungo qualsiasi movimento verso l'impeachment - e ha suggerito, ridicolmente, che farlo non era diverso dagli incitamenti di Trump.


Coloro che chiedono l'impeachment o che invocano il 25° Emendamento in risposta alla retorica del Presidente Trump di questa settimana sono essi stessi impegnati in un linguaggio intemperante e infuocato’, ha twittato Brady, e chiedono un'azione che è altrettanto irresponsabile e potrebbe benissimo incitare ad ulteriori violenze.


Nel frattempo, Hawley, che sta cercando di cooptare il movimento di Trump per realizzare le sue alte ambizioni, ha passato più tempo a blaterare su Twitter di un contratto per un libro cancellato che non ad affrontare il suo ruolo nella vicenda di mercoledì. Anche Cruz si sta sottraendo alle responsabilità e ha persino avanzato l'argomentazione comicamente poco plausibile di essere stato, in realtà, un critico coerente del Presidente. La leadership repubblicana è stata per lo più silenziosa, rifiutando di appoggiare qualsiasi azione significativa in risposta, attestandosi al massimo su generiche dichiarazioni di condanna


Trump ha fatto pressione su Pence per progettare un colpo di stato, poi ha messo in pericolo il vicepresidente, dice la fonte. Mentre infuriava la rivolta, Trump ha cercato di chiamare i senatori per incitarli a ribaltare le elezioni.


La base del partito ha mostrato una scarsa propensione a staccarsi da Trump. Venerdì, la presidente del Comitato Nazionale Repubblicano Ronna McDaniel, una lealista di Trump che ha fatto attenzione a non rompere completamente con il Presidente, è stata rieletta al suo posto nonostante il GOP abbia perso il controllo della Camera nel 2018, la Casa Bianca nel 2020 e il Senato nel 2021.


Anche il senatore in pensione Pat Toomey, un repubblicano della Pennsylvania, che ha criticato lo sforzo di ribaltare il conteggio dell'Electoral College e che sabato ha detto a Fox News che Trump ha commesso reati perseguibili, si è rifiutato di andare avanti con il processo.


Non so se dal punto di vista logistico sia davvero possibile o pratico e non sono sicuro che sia auspicabile tentare di costringerlo a uscire, un giorno o due o tre prima del giorno in cui sarà comunque finito, ha detto Toomey. Non mi è chiaro quindi se questa sia la strada migliore da seguire.


Il rifiuto dei repubblicani del Congresso di intrattenere qualsiasi conversazione significativa su ciò che verrà dopo ha posto l'onere ai democratici di tracciare la strada da seguire. Ma hanno i loro pesi politici da bilanciare.


Biden ha mostrato scarso entusiasmo per l'impeachment, sapendo che un processo al Senato avrebbe succhiato l'ossigeno dei suoi primi giorni in carica e avrebbe dato ai repubblicani un forum di alto profilo per sostenere che i suoi appelli all'unità e l'impegno a raffreddare le passioni di parte erano solo parole di campagna elettorale.


Sono concentrato sul virus, sul vaccino e sulla crescita economica, ha risposto Biden alla domanda sull'impeachment di venerdì. Quello che il Congresso decide di fare è che siano loro a decidere. Ma io dovrò farlo, e loro dovranno essere pronti a partire’. Prepararsi per quello che sta per succedere


I calcoli politici che ora consumano gli ottoni di entrambi i partiti si giocano sullo sfondo di minacce più imminenti. Le preoccupazioni per la sicurezza in vista dell'insediamento di Biden il 20 gennaio stanno crescendo. Le chat sui forum dei social media di destra, pro-Trump, sono diventate sempre più virulente - e non è chiaro se il Presidente, anche se lo ha scelto, possa tenerlo a freno.


John Scott-Railton, un ricercatore senior del Citizen Lab dell'Università di Toronto, ha detto alla Cnn che il suo gruppo sta accumulando le prove che l’insediamento del 20 gennaio potrebbe diventare un altro flashpoint.


Mentre il pubblico più vasto è rimasto sconcertato da ciò che è successo (mercoledì) al Campidoglio, in certi angoli di quel tipo di conversazione di destra, ciò che è successo, ha detto, è visto come un successo.


Dopo la mancata protezione del Campidoglio della scorsa settimana, c'è una nuova preoccupazione da parte di alcuni Democratici che la sicurezza di Biden e del Vice Presidente eletto Kamala Harris possa essere compromessa. Anche un breve sondaggio sui più noti hub online di destra, pro-Trump, rende chiara la gravità della minaccia, una minaccia che per troppo tempo è stata sventolata come una spacconata anonima.


Le preoccupazioni per la violenza futura si estendono oltre il Campidoglio e le sue immediate vicinanze. American e UnitedAirlines, con il sostegno di due sindacati di assistenti di volo, hanno preso provvedimenti per rafforzare la sicurezza in volo e a terra. Entrambi i vettori hanno aumentato il personale negli aeroporti dell'area di Washington, che vedranno anche il dispiegamento della polizia del Campidoglio prima del giorno dell'inaugurazione, e American ha messo un freno al servizio alcolici sui voli in entrata e in uscita dalla regione.


Ai membri del Congresso sarà garantita una maggiore sicurezza - in uno sforzo coordinato da parte della Polizia del Campidoglio, della Guardia nazionale e del US Marshals Service - durante il viaggio attraverso gli aeroporti, dopo che diversi senatori, tra cui il repubblicano della Carolina del Sud Lindsey Graham - che ha rotto con il Presidente la scorsa settimana - sono stati molestati da altri viaggiatori.


Al Campidoglio, i legislatori democratici stanno cominciando a considerare le loro opzioni, comprendendo che, per le intenzioni delle frange più brutali degli insurrezionalisti e per le azioni ,assolutamente inadeguate rispetto alla gravità della situazione, di alcuni nella gerarchia delle forze di polizia del Campidoglio, il pedaggio avrebbe potuto essere molto peggiore. Alcuni hanno cominciato a piantare i semi per una revisione radicale della sicurezza in Campidoglio, esaminando non solo la logistica ma anche la composizione del personale incaricato di proteggerli.


Il rappresentante di New York,  Jamaal Bowman (Repubblicano) sta approntando una proposta di legge per istituire una commissione d'inchiesta sulla polizia del Campidoglio, che in alcuni casi è stata accusata di essersi ritirata troppo facilmente o addirittura di aver accolto - come nel caso di un ufficiale che sembrava posare  con un insurrezionalista - la folla che è entrata nell'edificio mercoledì.


Perché una folla fascista, bianca e suprematista, è stata in grado di sopraffare la polizia del Campidoglio? Esistono legami tra i sostenitori della supremazia bianca che hanno sferrato quell'attacco e i membri delle forze di polizia, ha twittatoBowman. Abbiamo bisogno di risposte.


Il membro del Comitato degli Stanziamenti della Camera, Grace Meng (Rep.), anche lei di New York, ha pubblicamente sostenuto la legislazione e la leadership del Comitato Democratico, notando il suo ruolo nel finanziamento delle forze di polizia, ha detto in una dichiarazione che la violazione del Campidoglio solleva seri interrogativi su ciò che le forze dell'ordine hanno fatto e su ciò che avrebbero dovuto fare in modo diverso.


I Democratici hanno anche elogiato il coraggio di alcuni ufficiali, tra cui Brian Sicknick, che è morto, secondo i funzionari, a causa di ferite subite durante il servizio.


L'ufficio del Procuratore degli Stati Uniti sta aprendo un'indagine federale per omicidio in relazione alla sua morte, ha detto venerdì una fonte delle forze dell'ordine alla Cnn.”.


Trump non ha ordinato le bandiere a mezz'asta sugli edifici federali in onore dell'agente della Capitol Police, Brian D. Sicknick, Mentre le bandiere al Campidoglio sono state poste a mezz'asta, fa notare il New York Times, Trump non ha dato disposizioni simili per gli edifici del governo federale sotto la sua giurisdizione. Alla richiesta di chiarimenti del Nyt, la portavoce della Casa Bianca non ha risposto. Il presidente uscente, inoltre, a differenza del suo vice Mike Pence, non ha contattato la famiglia di Sicknick per porgere le sue condoglianze.


C’era una volta in America: la democrazia. E ora?