Si parla di 'notte dei cristalli' ma l'Hitler d'America è ancora al suo posto

Nazisti, antisemiti, negazionisti, cospirazionisti, razzisti: nella galassia 'trumpiana' c'è di tutto. Ma l'istigatore al momento sembra intoccabile

Donald Trump

Donald Trump

Umberto De Giovannangeli 11 gennaio 2021

Conan contro lo “sciamano della Casa Bianca”. L'attore ed ex governatore (repubblicano) della California, Arnold Schwarzenegger, paragona l'assalto al Congresso alla Germania nazista e definisce Donald Trump un "leader fallito". In un video, pubblicato sui suoi account social, dice: "Passerà alla storia come il peggiore presidente. La cosa buona è che sarà presto irrilevante come i suoi vecchi tweet".


"Mercoledì è stata la Notte dei Cristalli negli Stati Uniti", afferma Schwarzenegger rivelando alcuni dettagli "dolorosi" sul suo passato. Suo padre, aveva raccontato in precedenza, era entrato a far parte del partito nazista. Ora rivela: "Tornava a casa ubriaco una o due sere alla settimana e urlava contro di noi, e ci colpiva, spaventava mia madre. Non l'ho mai ritenuto interamente responsabile perché il nostro vicino faceva la stessa cosa con la sua famiglia, e così il vicino del vicino".


 Quel paragone che inchioda l’Hitler di Washington


"Tutto è iniziato con bugie e intolleranza. Essendo stato in Europa ho visto di prima mano come le cose possono finire fuori controllo", aggiunge. "Mio padre e i nostri vicini sono stati ingannati con le bugie, quindi so dove possono portare le bugie".


Nel finale del video Schwarzenegger sfodera la mitologica spada di "Conan, il barbaro", uno dei suoi più iconici ruoli da protagonista, e la paragona alla democrazia, messa a repentaglio dall'assalto al Congresso, ma divenuta più forte proprio grazie a quella dura prova che l'ha temprata. 


La bandiera antisemita


Alexandria Ocasio-Cortez  è lontana anni luce dalle posizioni, oltre che dalle posture muscolari di Arnold Schwarzenegger, ma sui nazisti di Capitol Hill sono sullo stesso lato della barricata.


La parlamentare di New York ha condannato duramente i suprematisti bianchi che hanno legato una bandiera confederata alla porta d'ingresso del Museum of Jewish Heritage - A Living Memorial to the Holocaust di New York City. "Noi ci schieriamo con i nostri vicini ebrei e i nostri cari, e ci schieriamo sempre per proteggerli da questi atti di odio e intimidazione", ha twittato la congressista dem, al suo secondo mandato.  "I suprematisti bianchi dovrebbero raccogliere la loro spazzatura e andarsene dalla nostra città. New York non vi accoglie e non vi accoglierà mai. ci proteggiamo a vicenda". 


La bandiera confederata era uno dei tanti simboli di odio portati nell'edificio dai sostenitori di Donald Trump che protestavano contro l'elezione di Joe Biden alla presidenza degli Stati Uniti. 


"Lotta come l'inferno", aveva esortato Trump ai suoi partigiani al raduno che ha preceduto l’assalto al Congresso. "Facciamo un processo con il combattimento", ha implorato il suo avvocato, Rudy Giuliani, il cui tentativo di buttare via i risultati delle elezioni in un processo in tribunale è fallito. E' ora di "iniziare a buttare giù i nomi e a prendere a calci in culo", gli ha fatto eco il rappresentante repubblicano Mo Brooks dell'Alabama.


I criminali graziati da Trump, tra cui Roger Stone e Michael Flynn, si sono fatti avanti ai raduni alla vigilia dell'attacco per dire ai “miliziani” pro Trump che stavano combattendo una battaglia tra il bene e il male e che erano dalla parte del bene. A Capitol Hill, il senatore repubblicano Josh Hawley del Missouri ha fatto un saluto a pugno chiuso alle orde fuori dal Campidoglio, mentre si è fermato a premere la sua sfida sui risultati delle elezioni. 


Ocasio-Cortez è stato in prima linea nel criticare il Partito repubblicano per gli eventi di mercoledì, chiedendo l'allontanamento di Trump per il suo "chiaro incitamento alla folla". È stata anche uno dei primi legislatori a chiedere le dimissioni dei senatori repubblicani Ted Cruz e Josh Hawley per le parole “eversive” che hanno contribuito a stimolare le rivolte a Capitol Hill, aggiungendo che il Senato dovrebbe espellerli se non lo faranno. 


Il presidente eletto Biden ha citato il ministro nazista Joseph Goebbels e le sue tecniche di propaganda quando gli è stato chiesto di Cruz e Hawley. "Penso che il pubblico americano abbia una buona visione chiara di chi sono". Fanno parte della Grande Bugia", ha detto Biden. "Goebbels [ha detto] nella Grande Bugia, continui a ripetere la bugia, a ripetere la bugia".


La folla era in tumulto. Fino a poco dopo le 14, il leader della maggioranza del Senato Mitch McConnell è stato al timone per gli ultimi minuti di decoro in collaborazione con Pence, che stava servendo il suo ruolo presiedendo il processo.


Entrambi avevano sostenuto l'agenda di Trump e scusato o ignorato le sue provocazioni per quattro anni, ma ora non avevano alcun meccanismo o volontà di sovvertire le elezioni vinte da Biden. Questo li ha collocati ai primi posti  tra i bersagli degli insurrezionalisti, non diversi nella mente della folla dagli odiati "socialisti".


 Ocasio-Cortez ha attaccato Cruz per le sue critiche alle osservazioni di Biden, definendo la sua "continua scusa e negazione della presenza neo-nazista di mercoledì ripugnante e pericolosa". Indossavano magliette di Auschwitz, hanno eretto una forca e hanno cercato di impiccare il vicepresidente", ha twittato. Ha anche citato il commento della rappresentante Mary Miller "Hitler aveva ragione" nella sua critica a Cruz, twittando che "la sua collega del Gop alla Camera ha elogiato Hitler questa settimana". Una bandiera confederata è stata appesa fuori dal Museo del Patrimonio Ebraico. Eppure lei continua a negare questo chiaro collegamento all'indomani delle violenze di mercoledì. Ogni giorno disonora se stesso e il suo ufficio ogni giorno di più. Dimettiti". Cruz ha respinto l'"epica ipocrisia di Ocasio-Cortez", definendo i nazisti "bigotti malvagi" mentre diceva che "chiamare nazisti i tuoi avversari politici è atroce".  Ha aggiunto che lei e i suoi "amici anti-israeliani hanno bloccato una risoluzione che condannava l'antisemitismo - che ho approvato all'unanimità in Senato". Ocasio-Cortez ha notato che lei ha effettivamente "votato con orgoglio" per la risoluzione e ha definito le sue dichiarazioni "sempre più errate e infondate". Ha notato che non chiama tutti i suoi avversari nazisti, "ma state tranquilli, i neonazisti sono i miei avversari".


Il Museo dell'Olocausto di New York ha consegnato al dipartimento di polizia di New York la bandiera, ha detto in una dichiarazione venerdì Jack Kliger, presidente e amministratore delegato del museo, aggiungendo che la bandiera mostrava che "l'odio è arrivato alle nostre porte". Questo è un attacco atroce alla nostra comunità e alla nostra istituzione e deve essere affrontato con la risposta rapida e decisa delle forze dell'ordine", ha rimarcato "La bandiera confederata è un potente simbolo di supremazia bianca, come dimostrano gli eventi di questa settimana al Campidoglio degli Stati Uniti". 


La polizia di New York non ha confermato se la bandiera verrà  considerata, e come tale “indagata”, come un crimine d'odio commesso da colui o da coloro che l’hanno affissa all’ingresso del Museo dell’Olocausto,  ma ha detto all'Agenzia Stampa Ebraica che era stata assegnata alla divisione investigativa del dipartimento, e ha definito l'atto "atroce".


Il Museo del Patrimonio Ebraico ha giocato un ruolo centrale negli sforzi dello stato di New York per combattere l'antisemitismo all'inizio dell'anno scorso, quando il Governatore Andrew Cuomo ha proposto che ogni studente della scuola pubblica di New York City fosse obbligato a visitare un museo dell'Olocausto.


L’odio via Twittet


Un account Twitter anonimo che mugolava ai tweeter antisemiti prima di lasciare la piattaforma è tornato lunedì sera per portare la piattaforma al lavoro un'ultima volta. "Avete fallito le persone che usano questa piattaforma", ha twittato Antisemitism Cow, taggando Twitter e il suo Ceo, Jack Dorsey. "Non ci sono scuse per aver permesso ai nazisti con decine di migliaia di seguaci di sfrecciare sulla vostra piattaforma. Hai lasciato che accadesse. Per questo motivo, hai le mani sporche di sangue". In un thread, Antisemitism Cow ha detto che nessuno dovrebbe usare Twitter finché non affronta l'odio sulla sua piattaforma in modo significativo.Me ne vado perché nessuno dovrebbe sottomettersi a testimoniare e a gridare l'odio che avete permesso di infangare qui. Questo è il vostro lavoro, e finché non lo farete correttamente, nessuna persona sana di mente o buona dovrebbe usare la vostra piattaforma", ha  detto l'account.


 Uno studio del Network Contagion Research Institute dell'anno scorso ha rilevato che i tropi antisemiti tendono a raggiungere il picco online intorno a momenti di tensione negli Stati Uniti, anche prima della sparatoria del 2018 alla sinagoga Tree of Life di Pittsburgh. Durante le proteste che hanno seguito l'uccisione di George Floyd la scorsa primavera, i tweet su George Soros, miliardario e finanziatore di cause progressiste ebreo, il cui nome è spesso sinonimo di antisemitismo, hanno raggiunto i 500.000 tweet al giorno, secondo la Anti-Defamation League.


 In ottobre, Twitter ha annunciato che avrebbe vietato la negazione dell'Olocausto sulla sua piattaforma nella stessa settimana in cui Facebook ha annunciato la stessa cosa. Il divieto è stato un tentativo di Twitter di reprimere l'odio sulla piattaforma in vista delle elezioni presidenziali del 2020, ma i critici hanno accusato Twitter di non aver fatto abbastanza per bandire l'antisemitismo, provocando addirittura un boicottaggio di 48 ore da parte di un gruppo di celebrità britanniche. Da quando ha aperto il conto a luglio, Antisemitism Cow ha attirato più di 23.000 seguaci mugolando ai conti che considerava impegnati nell'antisemitismo. I seguaci hanno spesso etichettato l'account in risposte a tweet che ritenevano antisemitici, in modo che l'Antisemitism Cow potesse emettere il suo verdetto. 


Come a dimostrare il punto di vista di Antisemitism Cow, questo mese è stato lanciato un account anonimo per l'imitazione chiamato Antisemite Cow. Ma invece di invocare l'antisemitismo, l'account si è impegnato a muggire contro i conti degli ebrei.


"Sono una semplice mucca che mugola alle persone semitiche", si legge nella descrizione della mucca antisemita. Antisemitismo Mucca ha chiuso il thread di tweet firmando definitivamente la piattaforma. "Questo account non dovrebbe esistere perché non vale la pena di lottare per Twitter", ha detto. Twitter è una fogna di dolore e miseria". Mentre si gioca con caratteristiche carine per far sembrare che ci si preoccupi di un "impegno positivo", il numero dei partecipanti cresce. Non sto più giocando a questo gioco. Ciao".


Intanto, dopo Google anche Apple rimuove Parler, il Twitter della destra, dal suo App Store. La decisione è legata al fatto che Parler non ha preso le misure necessarie affrontare i discorsi di odio e violenza. "Abbiamo sostenuto che i diversi punti di vista dovessero essere rappresentati sull'App Store, ma non c'è spazio sulla nostra piattaforma per violenza e illegalità". "Parler non ha preso le misure adeguate per affrontare il proliferare di queste minacce sulla sicurezza della gente"., recita una nota ufficiale di Apple. 


Scacciato da Facebook e censurato d Twitter, Donald Trump si era rifugiato su Parler, aveva riferito l'anchor "amico" della Fox, Sean Hannity. "Ho visto che il presidente ha un account. Almeno c'è un posto per lui. Ed è un bene perché altrove lo stanno censurando", aveva detto Hannity, riferendosi all'alternativa senza censure a Twitter su cui si sono spostati molti seguaci del presidente uscente e la stessa figlia Ivanka.


Biden che evoca Goebbels. “Conan” Schwarzenegger, la Notte dei Cristalli. La denuncia del direttore del Museo dell’Olocausto di New York. Le reazioni durissime di esponenti di primo piano della comunità ebraica statunitense, anche quelli che all’inizio della sua presidenza avevano dato credito a The Donald.   I titoli di Globalist su l’”Hitler della Casa Bianca” non era una forzatura giornalistica, ma l’inquietante realtà. Per l’America e per il mondo libero. 


PS. A Parler si era iscritto anche Matteo Salvini. Poco prima che fosse rimosso da Google e Apple. Neanche nel “bunker mediatico” dell’”Hitler” americano c’è posto per lui.