QAnon: chi sono e perché sono così pericolosi i fascio-cospirazionisti americani

La lettera Q si riferisce alla Q-clearance, presunto livello massimo di autorizzazione all’accesso di fonti top-secret nel governo americano. Anon significa Anonymous, anonimo.

Cospirazionisti QAnon

Cospirazionisti QAnon

Umberto De Giovannangeli 15 gennaio 2021

Si scrive QAnon. Si legge fascismo. Fascismo made in Usa.. Non si tratta di “sciamani” o fenomeni folcloristici, ma di qualcosa di ben più inquietante. E non solo per l’America.


A darne conto è un report di uno dei più autorevoli studiosi dei movimenti fascisti americani: il professor Alexander Reid Ross docente alla Portland State University, autore di Against the Fascist Creep (AK Press, 2017).


Premessa esplicativa: La lettera Q si riferisce alla Q-clearance, presunto livello massimo di autorizzazione all’accesso di fonti top-secret nel governo americano. In realtà lo usa solo il dipartimento dell’energia. Anon significa Anonymous, anonimo. Ci sono dentro il bianconiglio di Alice e la pillola rossa di Matrix. Il racconto è pieno di indizi e senza vere prove. I simboli sono presi un po’ dappertutto: dalla bandiera sudista, alle corna nordiche passando per i supereroi.


Cospirazionisti crescono


“Emersa dalle paludi febbrili di 4Chan e YouTube nel novembre 2017, la comunità della teoria della cospirazione QAnon si è diffusa rapidamente dalla frangia dei pazzi al mainstream dei pazzi – esordisce il professor Reid Ross - Alcuni commentatori suggeriscono che abbia tutte le caratteristiche di un culto politico laico.


Promette ai suoi seguaci la salvezza finale,  la creazione di un'utopia di unione umana, di pace e di amore, realizzata attraverso una brutale repressione militare contro lo ‘Stato profondo’. E anche se può sembrare uno spettacolo secondario, il fenomeno Q potrebbe dirci di più sulla vita politica di quanto la maggior parte dei commentatori non riconosca.


QAnon è una teoria cospirativa tentacolare e mutevole che ha iniziato la sua vita come un intruglio ultra-frangente nelle bacheche online amate dall'alt-destra, ma che ora è presente in piattaforme più mainstream come Twitter, Facebook, YouTube e Reddit. E' ancorata all'affermazione infondata che l'onniveggente e onnipotente presidente Trump ha deliberatamente manipolato l'indagine Mueller per prendere di mira i politici democratici e le star di Hollywood per il loro presunto coinvolgimento con le reti di pedofili, il ‘Deep State’ e le aziende farmaceutiche che mirano a rendere schiavo il popolo americano. I seguaci credono che ‘Q’, la presunta fonte di sicurezza nazionale, la presunta fonte di sicurezza nazionale, che si trova in una posizione molto elevata, riveli gradualmente l'entità della cospirazione che viene confermata da un bizzarro esame delle parole del presidente.


I credenti della ‘Q’ assegnano alla loro visione apocalittica del mondo il termine ‘il Grande Risveglio’, una chiara invocazione della storia del messianismo religioso negli Stati Uniti. Come ogni buona teoria della cospirazione, danno la colpa del crimine e della povertà ai ‘criminali’, conosciuti alternativamente come ‘Stato profondo’ e ‘cabala’. Non c'è da stupirsi che ci sia una forte vena di antisemitismo nel mondo QAnon. Mentre l'umanità è nel suo stato naturale pacifica e comunitaria, l'a mefitica ‘cabala’ sfrutta le nostre mancanze morali, usando le nostre differenze per dividerci.


Donald l’”anti cabalista”


Contro la ‘cabala’ c'è Donald Trump, che ha usato l'Agenzia per la sicurezza nazionale e l'esercito americano per condurre una guerra clandestina contro i ‘globalisti’ e restituire all'America i valori della famiglia Reaganita. Secondo un video Q su YouTube, questa campagna manifesta una ‘guerra segreta di proporzioni bibliche, letteralmente una lotta per la terra, del bene contro il male’.


Ma la Q non è solo una critica alle ‘élite’, è un'assunzione aperta di un contropotere autoritario già esistente, bloccato in una lotta segreta,  una guerra civile all'interno dello Stato. Per gli osservatori di Q come Travis View, che co-ospita il podcast QAnon Anonymous, tali tendenze autoritarie portano con sé varie qualità inquietanti spesso associate al fascismo. La comunità dei Q crede che ‘la soluzione ai problemi del Paese sia una brutale repressione autoritaria contro i nemici di Trump’, mi ha detto View in una recente intervista telefonica. Allo stesso tempo, osserva View, la comunità dei Q potrebbe tentare di colmare il divario sempre più ampio tra ciò che i sostenitori di Trump credevano che Trump avrebbe fatto e ciò che sta effettivamente facendo. E' la continuazione del canto ‘Rinchiudili!’ ai raduni di Trump, quando i sostenitori speravano che avrebbe sbattuto i suoi avversari in prigione, e che li avrebbe anche giustiziati per tradimento. Invece di riconoscere l'irrealtà iperbolica che sta dietro al vetriolo di Trump, la comunità dei Q ha semplicemente mantenuto una narrazione lineare, dando sfogo alle proprie fantasie di vendetta e superando la dissonanza cognitiva che nulla di tutto ciò è realmente accaduto.


L'evocazione di una rottura escatologica dalla realtà percepita segna l'essenza fondamentale del fenomeno Q. C'è una resa dei conti, chiamata in alcuni luoghi ‘estasi inversa’: una rivelazione che significa non solo la fine del mondo, ma un nuovo inizio. I costituenti spesso si ritirano dalla loro vita e raccontano storie di lotte con le loro famiglie per l'esistenza del Q, in attesa della prossima "caduta del Q. Q è persino alienato dai teorici della cospirazione di destra rivali come Alex Jones e Jack Posobiec, i quali - secondo una teoria antisemita di Q poco rivelata - sono diventati agenti di una psy-op del Mossad. 


Mentre molti dei costituenti di Q si sfaldano dopo i ripetuti fallimenti delle profezie, il resto  rimane fedele a quello che hanno soprannominato ‘il piano’ che, a loro avviso, è ancora portato avanti dai poteri di Trump, intesi attraverso le interpretazioni della profezia di Q.


Circa 15.000 abbonati al forum di Q sulla bacheca online Voat, setacciano migliaia di tweet, post e prove, combinando e ricongiungendo informazioni contrastanti fino a quando non hanno sbloccato la storia come una rivelazione della geometria sacra, una benedetta ‘Prova di Q’. 


Il comportamento dei fan di Q quando vengono sfidati manifesta anche una sorta di insularità familiare ai culti. Quando si verificano altri eventi che sarebbero scoraggianti, i seguaci di Q tendono a serrare i ranghi. Piuttosto che prendere la parola di un'accusa per Julian Assange come un possibile colpo a Trump, per esempio, i seguaci di Q si sono seriamente raggruppati su 4Chan. L'atto d'accusa di Assange, se vero, presentava ‘una parte del piano’, che gli permetteva di venire negli Stati Uniti e testimoniare la piena portata del sistematico e perverso tradimento di Hillary Clinton. Classico Trump. Classica Q.


Ma chi è Q? In casi estremi, i seguaci ipotizzano che Q sia un mutaforma che viaggia nel tempo, un essere etereo non corporeo che ottiene la forma umana solo per ingannare i funzionari dell'Nsa senza cervello a divulgare segreti sensibili. Tuttavia, con le sue profezie di una ‘grande purificazione del male’, la maggior parte della comunità di Q è più vicina ai vecchi insegnamenti evangelici.


Nonostante sia una teoria cospirazionista da ‘grande tenda’, la sua generazione da bacheche online frequentate da suprematisti bianchi e misogini continua a mobilitare un grande seguito nazionalista bianco, facendone un sito per gli sforzi di ingannare e tirare in ballo gli inganni dai social media alle sette fasciste come Christian Identity. E in realtà, alla fine, questo potrebbe essere il punto di partenza.


Forse dovremmo tranquillizzarci un po’ per il fatto che, almeno per ora, Q ripudia la violenza civile, affermando che i militari e l'Nsa si stanno occupando della ‘cabala’ in tempo reale, ed è stato addirittura denunciato dai rivoluzionari nazionalisti bianchi per questo tipo di teorie da poltrona. Anche l'attentatore della sinagoga di Pittsburgh aveva criticato il QAnon per le sue ‘illusioni’, -respingendo il principio di fede del QAnon secondo cui Trump aveva tutto sotto controllo, e che non era necessaria un'azione di vigilanza. Per questo motivo, Travis View non vede la comunità dei Q come una minaccia violenta. Ma si preoccupa di dove può portare. ‘Quello di cui mi preoccupo - mi ha detto - sono le persone che si disilludono da QAnon, che credono che i Democratici siano una cabala di pedofili adoratori di Satana , e  una volta che perdono la fede con Q, allora potrebbero fare qualcosa per prendere in mano la situazione’.


Come per la maggior parte dei fervori cospirazionisti, come Pizzagate, la maggior parte dei partecipanti rimane innocua nonostante la loro retorica rabbiosa, ma alcuni mettono in pratica le loro teorie.


È quello che è successo con il devoto di Q, Matthew Philip Wright, che nel giugno 2018 si è impegnato in uno scontro armato con le forze dell'ordine su un ponte vicino alla diga di Hoover, chiedendo la pubblicazione  di un rapporto che la comunità di Q ritiene possa incriminare Hillary Clinton. È stato accusato di reati di terrorismo e di possesso di armi, e di aver gridato: ‘Lei ha detto che avrebbe rinchiuso alcune persone quando fosse stata eletta. Non l'ha ancora fatto’.


Mentre era in prigione, sempre speranzoso, ha scritto lettere al presidente Trump che firma con il motto della QAnon ‘Per dove va uno, andiamo tutti". Con l'unzione di Trump come leader messianico, Q crea una realtà alternativa in cui la ‘cabala’, che significa sia corruzione che divisione, è perseguita fino ai confini della terra da una sorta di giunta militare autoritaria che opera quasi interamente dietro le quinte.


È una forma di ritorno a casa per l'estrema destra statunitense che da tempo celebra l'eredità delle dittature militari in America Latina, e che ora sostiene il governo filodittatoriale di Jair Bolsonaro in Brasile, ma che ora professa la fede nel controllo militare come un'aspirazione per gli stessi Stati Uniti. Questo esiste in concomitanza con la ridefinizione della presidenza Trump come un'era apocalittica.


Che una presa di potere militare degli Stati Uniti sia la finzione che alcuni americani cercano, per sentirsi sicuri e protetti in un mondo complicato e sconvolgente, fornisce uno sguardo alle ragioni di una continua sacralizzazione del trumpismo che può durare oltre il suo mandato di presidente ,  e all'attrazione seriale del fascismo”.


Il professor Reid Ross scrisse questo report nel 2019, per poi essere ripubblicato dopo l’assalto al Congresso 


“Non si tratta solo di ‘gente folle’ che scrive sui social, ma di un problema sociale con conseguenze pericolose, che semina disinformazione e isola le persone in realtà diverse. Le teorie complottistiche si diffondono facilmente perché offrono un antidoto veloce allo scontento della popolazione. Non si tratta nemmeno di un problema americano: durante la pandemia QAnon si è espanso in più di 70 Paesi, contaminando soprattutto le società democratiche, dall’Europa fino alla Nuova Zelanda. QAnon è versatile, e sa modificarsi in base al contesto locale”, rimarca Carlotta Rinaudo in un interessante articolo per affariinternazionali.it


QAnon e le elezioni del 2020


Generalmente i Repubblicani hanno sempre preso le distanze da QAnon, ma non sono mancati sostenitori della teoria che sono riusciti a conquistare candidature alle Primarie del partito per le elezioni di Camera e Senato contestuali alle Presidenziali del 2020. Secondo il sito Axios, erano 11 i sostenitori di QAnon candidati al Congresso alle elezioni. Marjorie Taylor Greene, donna d'affari sostenitrice di QAnon e nota anche per posizioni razziste e antisemite, è riuscita a vincere in Georgia conquistando un seggio alla Camera. C’è poi Lauren Boebert, eletta come senatrice in Colorado, che in un'intervista aveva detto di sperare che tutto quanto raccontato da QAnon fosse "reale”, ma dopo aver vinto le primarie repubblicane aveva tentato di prendere le distanze da quelle affermazioni, affermando di non esserne una seguace.


L’assalto al Congresso


Il 6 gennaio  seguaci di QAnon, insieme ad altri gruppi organizzati di estrema destra e del suprematismo bianco, come i Proud Boys o il movimento dei Boogaloo, prendono d'assalto il Congresso al Campidoglio nel giorno in cui i parlamentari devono certificare la vittoria di Joe Biden alle Presidenziali e quindi la sconfitta di Trump. Tra i rivoltosi più fotografati, c'era Jake Angeli, che ha fatto irruzione al Congresso vestito da vichingo con una pelliccia, col volto dipinto a stelle e strisce e impugnando una bandiera americana: è tra i seguaci di QAnon e una delle figure più note tra i suoi sostenitori 


Lunedì sera Twitter ha annunciato di aver sospeso oltre 70mila account che secondo il social network “erano utilizzati per condividere su larga scala contenuti pericolosi collegati a QAnon ed erano dedicati principalmente alla diffusione di teorie cospirazioniste”. I profili hanno iniziato a essere rimossi lo scorso venerdì, due giorni dopo l’attacco a Capitol Hill.


Il sito Qanon.pub, creato nel marzo 2018 per pubblicare i testi dei cospirazionisti, ha già 7 milioni di contatti al mese.


Nonostante l’”oscuramento” di Twitter, QAnon non smobilita, ma rilancia la sua sfida. L’appuntamento è già fissato: mercoledì 20 gennaio a Washington. Il giorno dell’insediamento di Joe Biden alla Casa Bianca. Il giorno di “Armageddon” per i fascio-cospirazionisti made in Usa.