Il ministro degli Esteri iraniano: "Determinati a tornare al tavolo dei negoziati nucleari"

Hossein Amirabdollahian intervistato dall'emittente di Stato Irinn: ''La gente continua a chiedere quanto presto sarà.. Nel primo momento opportuno"

Hossein Amirabdollahian, ministro degli Esteri iraniano

Hossein Amirabdollahian, ministro degli Esteri iraniano

globalist 25 settembre 2021
L'Iran è ''determinato a tornare presto'', ovvero ''nel primo momento opportuno'', al tavolo dei negoziati sul suo programma nucleare.
Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amirabdollahian intervistato dall'emittente di Stato Irinn. ''La gente continua a chiedere quanto presto sarà. Significa giorni, settimane o mesi?", ha detto.
''La differenza tra il 'presto' iraniano e quello occidentale è molta.
Per noi, "presto" significa proprio nel primo momento opportuno, quando le nostre revisioni (del dossier nucleare, ndr) verranno completate. L'importante è la nostra determinazione a tornare ai colloqui'', ha detto ha detto Amirabdollahian, sottolineando la necessità che i negoziati siano ''seri e garantiscano i diritti e gli interessi della nazione iraniana''.
D'altra parte, ha proseguito, ''vi ricordo le promesse dell'Occidente, come quella di aver ripetutamente promesso che 'presto', 'tra pochi mesi' avrebbero implementato l'Instex", ovvero un meccanismo commerciale istituito per scambiare beni umanitari e cibo dopo il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo deciso dal presidente americano Donald Trump.