Grande conquista per le donne in Islanda: per la prima volta in Europa un parlamento a maggioranza femminile

Dei 63 seggi dell’Althing, 33 sono stati vinti da donne. Solo altri cinque paesi nel mondo si avvicinano come percentuale (52%)

Il nuovo parlamento islandese composto dal 52% da donne

Il nuovo parlamento islandese composto dal 52% da donne

globalist 26 settembre 2021

Un paese che ha sempre dimostrato che l’uguaglianza e la parità tra sessi è un valore.

Per la prima volta in Europa, le donne detengono più della metà dei seggi nel nuovo Parlamento islandese, secondo i risultati finali delle elezioni.

Dei 63 seggi dell’Althing, 33 sono stati vinti da donne, o il 52%, secondo le proiezioni basate sui risultati finali.

Nessun altro paese europeo ha mai avuto più del 50% di parlamentari donne, con la Svezia che si avvicina di più ma si ferma al 47%, secondo i dati della Banca Mondiale.

Cinque altri paesi del mondo hanno attualmente parlamenti in cui le donne detengono almeno la metà dei seggi, secondo l’Unione interparlamentare: Ruanda con il 61% di donne, Cuba con il 53%, Nicaragua 51% e Messico ed Emirati Arabi Uniti entrambi con il 50%.

A differenza di altri paesi, l’Islanda non ha quote legali sulla rappresentanza femminile in parlamento, anche se alcuni partiti richiedono che un numero minimo di candidati siano donne.

L’Islanda è stata a lungo un pioniere nell’uguaglianza di genere e nei diritti delle donne, ed è stata in cima alla classifica dei paesi più egualitari del World Economic Forum negli ultimi 12 anni.

Offre lo stesso congedo parentale a uomini e donne, e la sua prima legge sulla parità di retribuzione tra uomini e donne risale al 1961.

L’Islanda è stato il primo paese ad eleggere una donna come presidente nel 1980, e dal 2018 ha una legge pionieristica sulla parità di retribuzione che impone ai datori di lavoro di dimostrare che stanno pagando lo stesso salario a uomini e donne.

Le elezioni di sabato hanno visto il governo di coalizione sinistra-destra allargare la sua maggioranza.

Tuttavia, il Movimento Verde di Sinistra del Primo Ministro Katrin Jakobsdottir è emerso indebolito, mentre i suoi partner di coalizione di destra hanno ottenuto forti risultati, mettendo in dubbio il suo futuro come primo ministro.